lunedì 23 gennaio | 02:19
pubblicato il 27/ott/2014 18:13

Crosetto (Aiad): l'aerospazio ha bisogno di scelte strategiche

Si deve trovare un assetto dell'industria della difesa in Europa

Crosetto (Aiad): l'aerospazio ha bisogno di scelte strategiche

Roma, (Askanews) - L'aerospazio come eccellenza tecnologica da difendere, attraverso scelte politiche necessariamente strategiche perchè legate a programmi a lungo termine e guardando ad un nuovo assetto dell'industria della difesa in Europa. Guido Crosetto, recentemente nominato presidente dell'Aiad, l'associazione delle industrie della difesa, aerospazio e sicurezza italiane, fa il punto sullo stato di un settore che, da Finmeccanica alle pmi specializzate diffuse su tutto il territorio, resta un asset fondamentale del paese.

Presidente Crosetto, la crisi morde l'economia italiana. Quale è la situazione del comparto difesa e aerospazio?: "Ci sono programmi che vanno avanti da tempo, sono stati finanziati anni fa e questo ha consentito a una buona parte dell'industria, della sicurezza e dell'aerospazio italiano di sopravvivere anche in un momento di crisi generalizzata come negli altri comparti. Certo siamo arrivati al dunque nel senso che bisogna che lo Stato decida se questo settore continua ad essere importante anche per la capacità di detenere tecnologie rilevanti a livello mondiale".

In che direzione ci si dovrebbe muovere sul fronte delle scelte strategiche?

"C'è la ricerca, lo sviluppo e la produzione e questo si fa partendo prima e decidendo gli scenari strategici come stanno facendo altri paesi europei".

Industria e politica allora devono necessariamente convergere su scelte condivise e di lunga gittata:

"E' un settore anomalo perchè ha necessità di un confronto continuo con lo Stato, con il paese".

Si spinge in maniera bipartisan in tal senso per centralizzare le scelte politiche su una cabina di regia a Palazzo Chigi:

"Le scelte sul futuro stategico del paese dipendono da chi governa in quel momento, che si chiami Renzi, Berlusconi o pinco pallino chi governa deve in qualche modo imprimere la sua visione strategica al futuro del Paese".

Dalla regia nazionale ai temi, pressanti, della sicurezza in Europa. L'industria di settore come si muoverà nei prossimi anni? E gli Usa sono sempre il partner di riferimento?

"Sono un partner, non potranno più essere il partner di riferimento perchè c'è una cosa che si chiama Europa che se esiste necessariamente dovrà essere il primo interlocutore e necessariamente dovrà trovarsi un assetto dell'industria della difesa in Europa e se sarà così gli Usa diventeranno di secondo livello rispetto ad una politica degli investimenti della difesa che diventerebbe europea".

In

Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Governo
Gentiloni: D'Alema non aiuta la discussione, troppo polemico
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4