lunedì 05 dicembre | 12:01
pubblicato il 27/ott/2014 18:13

Crosetto (Aiad): l'aerospazio ha bisogno di scelte strategiche

Si deve trovare un assetto dell'industria della difesa in Europa

Crosetto (Aiad): l'aerospazio ha bisogno di scelte strategiche

Roma, (Askanews) - L'aerospazio come eccellenza tecnologica da difendere, attraverso scelte politiche necessariamente strategiche perchè legate a programmi a lungo termine e guardando ad un nuovo assetto dell'industria della difesa in Europa. Guido Crosetto, recentemente nominato presidente dell'Aiad, l'associazione delle industrie della difesa, aerospazio e sicurezza italiane, fa il punto sullo stato di un settore che, da Finmeccanica alle pmi specializzate diffuse su tutto il territorio, resta un asset fondamentale del paese.

Presidente Crosetto, la crisi morde l'economia italiana. Quale è la situazione del comparto difesa e aerospazio?: "Ci sono programmi che vanno avanti da tempo, sono stati finanziati anni fa e questo ha consentito a una buona parte dell'industria, della sicurezza e dell'aerospazio italiano di sopravvivere anche in un momento di crisi generalizzata come negli altri comparti. Certo siamo arrivati al dunque nel senso che bisogna che lo Stato decida se questo settore continua ad essere importante anche per la capacità di detenere tecnologie rilevanti a livello mondiale".

In che direzione ci si dovrebbe muovere sul fronte delle scelte strategiche?

"C'è la ricerca, lo sviluppo e la produzione e questo si fa partendo prima e decidendo gli scenari strategici come stanno facendo altri paesi europei".

Industria e politica allora devono necessariamente convergere su scelte condivise e di lunga gittata:

"E' un settore anomalo perchè ha necessità di un confronto continuo con lo Stato, con il paese".

Si spinge in maniera bipartisan in tal senso per centralizzare le scelte politiche su una cabina di regia a Palazzo Chigi:

"Le scelte sul futuro stategico del paese dipendono da chi governa in quel momento, che si chiami Renzi, Berlusconi o pinco pallino chi governa deve in qualche modo imprimere la sua visione strategica al futuro del Paese".

Dalla regia nazionale ai temi, pressanti, della sicurezza in Europa. L'industria di settore come si muoverà nei prossimi anni? E gli Usa sono sempre il partner di riferimento?

"Sono un partner, non potranno più essere il partner di riferimento perchè c'è una cosa che si chiama Europa che se esiste necessariamente dovrà essere il primo interlocutore e necessariamente dovrà trovarsi un assetto dell'industria della difesa in Europa e se sarà così gli Usa diventeranno di secondo livello rispetto ad una politica degli investimenti della difesa che diventerebbe europea".

In

Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari