lunedì 05 dicembre | 13:59
pubblicato il 31/gen/2012 19:01

Crisi/Napolitano: Italia esca dal tunnel più sobria e più giusta

Riforme a tutti i costi, troppo immobilismo. Province in primis

Crisi/Napolitano: Italia esca dal tunnel più sobria e più giusta

Bologna, 31 gen. (askanews) - Basta perdere tempo seguendo le solite vecchie logiche "conservatrici": l'Italia deve "uscire dal tunnel" e dal'"immobilismo", deve superare la crisi "più sobria e più giusta"; servono "sacrifici", come il ridimensionamento del livello di redditi dei lavoratori, ma bisogna invertire la rotta e trovare una soluzione al debito pubblico che pesa in maniera immorale sulle spalle dei giovani. Giorgio Napolitano, nel suo secondo giorno della visita a Bologna, prende come modello quello "emiliano" dove non vi è soltanto "ricchezza e opulenza" ma "una vita molto socievole". Ma è alla politica italiana che si rivolge in particolare: riforme a tutti i costi, a partire dal rinnovamento delle istituzioni - Province in primis per le quali "siamo a mezz'aria" - portando avanti il federalismo fiscale, che è diventato un "dovere" e non una "opzione". Dopo aver incontrato gli imprenditori della Cooperativa costruttori e del Centergross di Bologna, il capo dello Stato si ferma con gli amministratori locali a Palazzo D'Accursio, all'indomani dal conferimento della laurea honoris causa in Relazioni internazionali e delle proteste degli "indignati". "Siamo in un tunnel", dice Napolitano, e per uscirne - "più sobria e più giusta" - all'Italia servono "sacrifici", ma attenzione: più che pensare allo "spread" - termine ormai diventato di moda - occorre risolvere il problema del debito pubblico che è "uno dei fattori di esposizione dell'intero contesto europeo ai rischi di deflagrazione". "C'è molto ritardo sulle riforme istituzionali", insiste ancora il presidente; si è perso troppo tempo per "conservatorismo e continuità" quindi ora, a partire dal rinnovamento delle Province, si deve procedere con decisione a "metterle in calendario". Tutti d'accordo, tranne la Lega Nord che ha disertato l'incontro e i giovani del Pdl vestiti da Ghostbuster che hanno esposto al suo arrivo il cartello "Catturiamo la vecchia politica". Napolitano, prima di ripartire da Roma, prende un impegno con i politologi de Il Mulino: "Nel 2013, a fine mandato, valuterò la richiesta di diventare socio onorario".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari