martedì 17 gennaio | 14:16
pubblicato il 31/gen/2012 19:01

Crisi/Napolitano: Italia esca dal tunnel più sobria e più giusta

Riforme a tutti i costi, troppo immobilismo. Province in primis

Crisi/Napolitano: Italia esca dal tunnel più sobria e più giusta

Bologna, 31 gen. (askanews) - Basta perdere tempo seguendo le solite vecchie logiche "conservatrici": l'Italia deve "uscire dal tunnel" e dal'"immobilismo", deve superare la crisi "più sobria e più giusta"; servono "sacrifici", come il ridimensionamento del livello di redditi dei lavoratori, ma bisogna invertire la rotta e trovare una soluzione al debito pubblico che pesa in maniera immorale sulle spalle dei giovani. Giorgio Napolitano, nel suo secondo giorno della visita a Bologna, prende come modello quello "emiliano" dove non vi è soltanto "ricchezza e opulenza" ma "una vita molto socievole". Ma è alla politica italiana che si rivolge in particolare: riforme a tutti i costi, a partire dal rinnovamento delle istituzioni - Province in primis per le quali "siamo a mezz'aria" - portando avanti il federalismo fiscale, che è diventato un "dovere" e non una "opzione". Dopo aver incontrato gli imprenditori della Cooperativa costruttori e del Centergross di Bologna, il capo dello Stato si ferma con gli amministratori locali a Palazzo D'Accursio, all'indomani dal conferimento della laurea honoris causa in Relazioni internazionali e delle proteste degli "indignati". "Siamo in un tunnel", dice Napolitano, e per uscirne - "più sobria e più giusta" - all'Italia servono "sacrifici", ma attenzione: più che pensare allo "spread" - termine ormai diventato di moda - occorre risolvere il problema del debito pubblico che è "uno dei fattori di esposizione dell'intero contesto europeo ai rischi di deflagrazione". "C'è molto ritardo sulle riforme istituzionali", insiste ancora il presidente; si è perso troppo tempo per "conservatorismo e continuità" quindi ora, a partire dal rinnovamento delle Province, si deve procedere con decisione a "metterle in calendario". Tutti d'accordo, tranne la Lega Nord che ha disertato l'incontro e i giovani del Pdl vestiti da Ghostbuster che hanno esposto al suo arrivo il cartello "Catturiamo la vecchia politica". Napolitano, prima di ripartire da Roma, prende un impegno con i politologi de Il Mulino: "Nel 2013, a fine mandato, valuterò la richiesta di diventare socio onorario".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Centrodestra
Salvini sfida Berlusconi su leadership. Cav: io ancora decisivo
Conti pubblici
Di Maio: Renzi ha indebitato l'Italia, noi paghiamo il conto
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Vola il mercato dell'auto nel 2016, crescita a due cifre per Fca
Enogastronomia
In Cina il liquore invecchia nelle canne di bambù
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda Milano, guardaroba Trussardi per l'uomo s'ispira ai tarocchi
Scienza e Innovazione
Spazio, quando Cernan disse: un sognatore tornerà sulla Luna
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa