sabato 25 febbraio | 08:51
pubblicato il 31/lug/2012 14:15

Crisi/Berlusconi:Monti si dà da fare ma non si vede via d'uscita

La situazione è rimasta quella di prima

Crisi/Berlusconi:Monti si dà da fare ma non si vede via d'uscita

Milano, 31 lug. (askanews) - "Nel nostro Paese la crisi finanziaria è più acuta, ma non dipende dall'Italia. Con apprezzabile senso di responsabilità, io mi son tirato indietro dal governo. Da tutti si diceva che un governo tecnico avrebbe migliorato questa crisi. Il governo si è dato da fare, nonostante questo la crisi è rimasta". Lo ha detto l'ex presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, nel corso di un'intervista al canale tematico Milan Channel. "Negli ultimi mesi abbiamo pagato il denaro un punto in più rispetto a quando c'era il mio governo - ha aggiunto Berlusconi - e alla crisi finanziaria si è aggiunta anche la crisi economica. In giro c'è ansia e preoccupazione per il futuro. L'aumento delle tasse ha inciso su una crisi molto negativa e dalla quale non si vede ora una via d'uscita".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrosinistra
D'Alema: con Orlando segretario Pd si riaprirebbe dialogo
Governo
Guerini: assurdo legare data primarie Pd a elezioni politiche
Campidoglio
Grillo: forza Virginia, giornalisti rispettino privacy Raggi
Pd
Pd, commissione unanime: primarie 30 aprile. Renziani: via alibi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech