sabato 21 gennaio | 22:44
pubblicato il 07/mag/2014 17:43

Crisi: Vitelli (Sc), con piano organico si puo' cambiare Paese in 2 anni

(ASCA) - Roma, 7 mag 2014 - ''Dall'Europa giunge un monito chiaro: non dobbiamo illuderci di essere fuori dalla crisi.

La crescita del PIL per l'anno in corso e' dello 0,6% (e la stima OCSE e' ancora piu' bassa: 0,5%). Disoccupazione e debito pubblico sono in ulteriore peggioramento a fronte di un gettito fiscale in crescita, a riprova di un livello di tassazione che continua a lievitare. ''In questa situazione'', commenta in una nota Paolo Vitelli, deputato e responsabile per lo sviluppo economico di Scelta Civica, ''e' urgente che il governo acceleri sulle riforme, concentrandosi su di un piano organico e non frammentato di provvedimenti che provochino un'immediata e rapida inversione di tendenza''.

Secondo Vitelli ''tale piano deve includere: il completare le misure sul lavoro (con la riforma del contratto a tempo indeterminato e degli ammortizzatori sociali, prevedendo l'investimento di tutte le risorse disponibili nel processo di ricollocazione): l'attuazione concreta e immediata del processo di sburocratizzazione (il sistema ad oggi e' complesso, farraginoso e scoraggia gli investitori) eliminando ostacoli, lungaggini e oneri per i cittadini e soprattutto per le imprese; promuovere le esportazioni: l'Italia spende male e poco (e' al 111mo posto nel finanziamento all'export): le esportazioni, che crescono ma ancor troppo poco, sarebbero linfa vitale per il sistema''.

''Inoltre - prosegue ancora Vitelli - occorre adottare al piu' presto il provvedimento sul rientro dei capitali dall'estero: tale misura, se ben calibrata, consentirebbe allo stato di incassare qualche decina di miliardi, immettendo nel sistema una nuova, ingente liquidita': una occasione da non perdere per dare l'avvio immediato ad un piano straordinario di investimenti in grado di modernizzare il paese, creare immediata occupazione, far salire il PIL e quindi far scendere il peso percentuale del debito''.

''Vanno ancora citate'', sottolinea Vitelli, ''la riduzione dell'IRAP, la riforma della giustizia, la riorganizzazione della scuola: per queste grandi riforme impieghiamo magari qualche mese in piu', ma facciamole bene, in modo incisivo e risolutivo''.

''Se seguiamo questo piano'', conclude Vitelli, ''senza perderci in populismi o iniziative dettate soltanto dal consenso, possiamo cambiare il Paese in due anni''.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4