martedì 28 febbraio | 06:25
pubblicato il 07/mag/2014 17:43

Crisi: Vitelli (Sc), con piano organico si puo' cambiare Paese in 2 anni

(ASCA) - Roma, 7 mag 2014 - ''Dall'Europa giunge un monito chiaro: non dobbiamo illuderci di essere fuori dalla crisi.

La crescita del PIL per l'anno in corso e' dello 0,6% (e la stima OCSE e' ancora piu' bassa: 0,5%). Disoccupazione e debito pubblico sono in ulteriore peggioramento a fronte di un gettito fiscale in crescita, a riprova di un livello di tassazione che continua a lievitare. ''In questa situazione'', commenta in una nota Paolo Vitelli, deputato e responsabile per lo sviluppo economico di Scelta Civica, ''e' urgente che il governo acceleri sulle riforme, concentrandosi su di un piano organico e non frammentato di provvedimenti che provochino un'immediata e rapida inversione di tendenza''.

Secondo Vitelli ''tale piano deve includere: il completare le misure sul lavoro (con la riforma del contratto a tempo indeterminato e degli ammortizzatori sociali, prevedendo l'investimento di tutte le risorse disponibili nel processo di ricollocazione): l'attuazione concreta e immediata del processo di sburocratizzazione (il sistema ad oggi e' complesso, farraginoso e scoraggia gli investitori) eliminando ostacoli, lungaggini e oneri per i cittadini e soprattutto per le imprese; promuovere le esportazioni: l'Italia spende male e poco (e' al 111mo posto nel finanziamento all'export): le esportazioni, che crescono ma ancor troppo poco, sarebbero linfa vitale per il sistema''.

''Inoltre - prosegue ancora Vitelli - occorre adottare al piu' presto il provvedimento sul rientro dei capitali dall'estero: tale misura, se ben calibrata, consentirebbe allo stato di incassare qualche decina di miliardi, immettendo nel sistema una nuova, ingente liquidita': una occasione da non perdere per dare l'avvio immediato ad un piano straordinario di investimenti in grado di modernizzare il paese, creare immediata occupazione, far salire il PIL e quindi far scendere il peso percentuale del debito''.

''Vanno ancora citate'', sottolinea Vitelli, ''la riduzione dell'IRAP, la riforma della giustizia, la riorganizzazione della scuola: per queste grandi riforme impieghiamo magari qualche mese in piu', ma facciamole bene, in modo incisivo e risolutivo''.

''Se seguiamo questo piano'', conclude Vitelli, ''senza perderci in populismi o iniziative dettate soltanto dal consenso, possiamo cambiare il Paese in due anni''.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrodestra
Zaia a Berlusconi: io candidato premier? E' una manfrina
Centrodestra
Salvini gela Berlusconi: no a Zaia leader e a doppia moneta
Calcio
Renzi: Ranieri tradito dai suoi giocatori, ma tornerà...
Pd
Pd, D'Alema: attacchi Renzi? Non vorrei alimentare ossessioni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech