lunedì 05 dicembre | 17:53
pubblicato il 16/ott/2011 16:46

Crisi/ Usa preoccupati per Italia immobile.Luttwak: agire subito

"Se Berlusconi non agisce subito si vari un governo trasversale"

Crisi/ Usa preoccupati per Italia immobile.Luttwak: agire subito

Roma, 16 ott. (askanews) - "I politici italiani con senso di responsabilità devono mettersi assieme per accelerare il risanamento dei conti dello Stato e lo sviluppo dell'economia produttiva. Bisogna fare in fretta. Non c'è tempo per aspettare le elezioni anticipate in primavera. Bisogna agire subito. E siccome il governo Berlusconi non sembra in grado di farlo, ci vuole un nuovo governo con le migliori personalità trasversali". Così, con la consueta franchezza che sfiora la brutalità, Edward Luttwak, consulente della Presidenza americana, attento osservatore del nostro Paese, interpellato da Tmnews, conferma dagli Usa le gravi apprensioni espresse questa mattina sul "Corriere della Sera" da Mario Monti. "Le autorità statunitensi - dice Luttwak - guardano con grande preoccupazione al circolo vizioso dell'economia italiana fatto di aumento degli interessi sul debito pubblico e di riduzione della crescita, che rischia di far affogare le banche e ridurre il credito per le imprese. Le difficoltà dell'Italia paralizzano l'Europa e rischiano di avere effetti molto negativi sull'economia globale. Ecco perché Washington segue con grande apprensione le vicende italiane". Che cosa si dovrebbe fare? "Bisogna agire con più decisione. La manovra da 58 miliardi non basta. Ci vorrebbe una manovra da 158 miliardi, una manovra all'inglese in grado di trasformare il circolo vizioso in circolo virtuoso, fatto di riduzione dei tassi, recupero di credibilità sui mercati, riduzione del debito pubblico, aumento del Pil. L'Italia potrebbe crescere del 4-5% se facesse le cose necessarie, potrebbe essere il Paese industrializzato più brillante". Come si valuta a Washington la possibilità che il Governo Berlusconi possa guidare la riscossa del Paese? "Berlusconi non gode più la fiducia delle istituzioni americane. E sorprende la mancanza di reazione della politica italiana all'urgenza dei fatti". E' per questo che il Presidente Obama non ha ringraziato l'Italia per la sua azione in Libia nel discorso all'Onu del 20 settembre? O si è trattato di una dimenticanza o, come qualcuno ha detto in Italia, di "una cafonata". "Nessuna dimenticanza, nessuna cafonaggine. Obama non ha ringraziato l'Italia consapevolmente, per non dare un tributo a Berlusconi, che tiene il Paese bloccato con una maggioranza immobile, non riesce a fare le riforme necessarie e non viene più invitato agli incontri dei leader dove si parla dell'Italia, come il recente vertice Sarkozy-Merkel, che il bravo ministro Frattini è stato pure costretto a criticare".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Riforme
Referendum, affluenza finale 68,48%. Si è votato di più al Nord
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Accordo Altec-Virgin Galactic: l'Italia avrà il suo spazioporto
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari