venerdì 24 febbraio | 19:33
pubblicato il 03/ago/2011 21:16

Crisi/ Senato tiepido, per Berlusconi meno applausi che da Camera

Calderoli in aula con il premier. Tremonti rifiuta sedia Brunetta

Crisi/ Senato tiepido, per Berlusconi meno applausi che da Camera

Roma, 3 ago. (askanews) - Senatori più freddi dei loro colleghi deputati di fronte al discorso di Silvio Berlusconi: solo otto, e tiepidi con l'eccezione della 'standing ovation' finale, gli applausi riscossi nell'aula di palazzo Madama dal presidente del Consiglio, contro i dodici raccolti alla Camera. E molti banchi vuoti, a colpo d'occhio una quarantina fra gli assenti tra le fila della maggioranza, almeno venti nei banchi delle opposizioni, effetto delle vacanze incombenti, degli aerei in partenza, ma anche del bicameralismo perfetto che di fatto ha portato il premier a svolgere un intervento 'fotocopia' a distanza di un paio d'ore da quello svolto nell'altro ramo del Parlamento. Assente Umberto Bossi, è toccato a Roberto Calderoli ribadire la presenza della Lega sul banco dei ministri a fianco del capo del Governo. Giulio Tremonti, reduce dalla Camera, è arrivato tardi e si è dovuto accontentare di una poltrona aggiuntiva alle spalle del guardasigilli Nito Palma. A metà discorso si è alzato in piedi, e Renato Brunetta si è offerto di cedergli il posto accanto al premier, cancellando l'immagine di qualche screzio recente fra i due. Offerta declinata dal ministro dell'Economia. L'eloquio di Berlusconi non è stato quello brillante delle migliori occasioni, così ci sono voluti venti minuti per trovare uno spunto che scaldi la platea: il richiamo alle decisioni del Cipe, "130 interventi che rilanceranno l'economia". Prima di quello, l'unica alle sue parole era arrivata dall'opposizione, con un brusio che aveva registrato il richiamo al debito pubblico "ereditato dai precedenti governi, dal 1978 in poi". Altri battimani sulle auto blu, i costi della politica, il decentramento (solo dai leghisti), le tasse più basse per le imprese degli under 35, poi sull'affermazione secondo cui "il Paese è coeso", ma i senatori non hanno applaudito, subito dopo, la citazione di Giorgio Napolitano, più apprezzata alla Camera; ultimo applauso, prima di quello a fine discorso, sull'auspicio di un dialogo con l'opposizione. E non basta il lungo applauso in piedi alla fine a cancellare la sensazione di una giornata grigia a palazzo Madama.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Ncd
Alfano: i moderati tornino uniti contro il populismo
Governo
Guerini: assurdo legare data primarie Pd a elezioni politiche
Centrosinistra
D'Alema: con Orlando segretario Pd si riaprirebbe dialogo
Campidoglio
Grillo: forza Virginia, giornalisti rispettino privacy Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech