lunedì 05 dicembre | 01:33
pubblicato il 12/lug/2011 13:41

Crisi/ Prodi: Speculazione ci infilza come Orazi e Curiazi

Reagire subito con Bankitalia, governissimo non regge un giorno

Crisi/ Prodi: Speculazione ci infilza come Orazi e Curiazi

Padova, 12 lug. (askanews) - L'Italia è presa come gli Orazi e Curiazi e, pezzo per pezzo, "siamo infilzati dalla speculazione". Lo ha detto l' ex presidente del Consiglio, Romano Prodi nel corso della tavola rotonda con l'on Gianni De Michelis in occasione della presentazione del 12esimo Rapporto della Fondazione Nord Est. "Noi dobbiamo reagire adesso, immediatamente. Ecco - ha proseguito l'ex premier - perché dobbiamo unirci in una tregua, non un governissimo perché non reggerebbe un giorno. E' necessario un momento di unità e forza per reagire contro le speculazioni, così l'Italia dovrebbe presentarsi. In questi giorni non si sta reagendo, questa è la mia convinzione". Il professore ha sottolineato che "Non si può rovinare un paese che ha grandi strutture produttive - ha proseguito - ma di fronte a una mancanza di coesione e di politica forte noi siamo presi come gli Orazi e Curiazi e, pezzo per pezzo, siamo infilzati dalla speculazione". Bisogna mettere insieme governo, opposizione banca d'Italia perché " qui il problema è di dimostrare che il Paese compatto". Per Prodi proprio "la Banca d'Italia deve certificare di fronte all'estero - ha messo in guardia il professore - che non si raccontano balle e reagire come deve fare un paese forte per me è incredibile che non siano state reazioni da parte del governo". Sempre sulla speculazione per Prodi "bisogna chiamare i pompieri, qui oggi siamo a 360 punti di spread tra Bund Italia e quelli tedeschi che ogni punto costa tra i 15-16 miliardi di euro, 15 per 3 fa 45". "Il governo ha promesso cose che non era possibile promettere - ha sottolineato - . Si vogliono fare i tagli lineari, allora tagliamo un dito a tutti ed è fatta ma non sono le scelte di cui si parlava stamattina. Ci sono due sistemi per mettere a posto l'Italia: una è la bastonata, cioé il taglio lineare, l'altro è quello della formichina giorno per giorno per abbassare il debito. Bisogna mettersi nel cammino virtuoso della formichina" - ha concluso.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Riforme
Referendum,Centro-Nord spinge affluenza oltre 60%,Sud sotto il 50%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari