sabato 21 gennaio | 17:26
pubblicato il 03/apr/2012 21:00

Crisi/ Per Financial Times possibile manovra, Governo:Non serve

Passera:Austerità non fa crescere. P.Chigi conferma pareggio 2013

Crisi/ Per Financial Times possibile manovra, Governo:Non serve

Roma, 3 apr. (askanews) - Il Financial Times cita un rapporto riservato della Commissione Ue per dire che potrebbe servire al'Italia un'altra manovra correttiva. La smentita del governo è secca. Fonti di palazzo Chigi si limitano a ricordare quanto il premier Mario Monti dice da tempo, in ultimo pochi giorni fa a Tokyo: il pareggio di bilancio nel 2013 "resta l'obiettivo che sarà perseguito e che non richiederà nuove manovre". Il ministro dello Sviluppo economico, Corrado Passera, dice invece esplicitamente "no" a nuove misure di austerity per puntare al contrario sulla "crescita". Perchè proprio la scarsa crescita è il nodo che, secondo il rapporto citato dal Ft, potrebbe compromettere gli sforzi di risanamento: se è vero che l'Italia ha ottenuto risultati "chiaramente di rilievo" nel consolidamento di bilancio, è altrettanto vero - sempre secondo il rapporto - che "l'obiettivo dell'Italia di centrare gli obiettivi di bilancio potrebbe essere messo a rischio dallo scenario di crescita depressa e da tassi d'interesse relativamente alti". Da qui la conclusione: il governo di Monti dovrebbe "essere pronto a evitare ogni ritardo nell'esecuzione delle misure e intraprendere ulteriori azioni se necessario". Prospettiva come detto smentita seccamente da palazzo Chigi, e con altrettanta forza dal ministro Passera: "Con l'austerità non si cresce. Al contrario, dobbiamo mettere in moto tutte quelle operazioni sia di tipo orizzontale (innovazione, internazionalizzazione, credito ed energia) sia settore per settore per fare in modo che oltre ad aver messo in ordine i conti ci sia anche crescita di un'economia, ma soprattutto dell'occupazione". Una parziale smentita arriva anche da Bruxelles, con il portavoce del vicepresidente della Commissione europea Olli Rehn, responsabile di Affari economici e monetari, che ribadisce: "L'Italia "ha preso misure decisive sia sul risanamento dei conti che sulle riforme strutturali volte a rilanciare l'economia". Tuttavia, dice sempre il portavoce di Rehn, "non posso confermare il presunto rapporto della Commissione, né il suo status né la sua autenticità". E alla posizione del governo plaude il Pd, con il vicepresidente dei deputati Michele Ventura: "Non saremo certo noi del Pd a predicare la finanza allegra, né a dire che i bilanci degli Stati possano andare fuori controllo, ma sono anni che parliamo d'investimenti, crescita e rilancio dell'occupazione. Per questo oggi siamo completamente d'accordo con il ministro del governo Monti".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
M5s
Ue, Grillo: Alde? Si vergogni chi si è rimangiato la parola data
Fi
Fi: sostegno Berlusconi a Prodi? Accuse Salvini paradossali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4