lunedì 27 febbraio | 01:09
pubblicato il 29/dic/2011 12:46

Crisi/ Napolitano: Leader europei inadeguati, serve più coraggio

"Fatali anacronistici ripiegamenti su pregiudizi nazionali"

Crisi/ Napolitano: Leader europei inadeguati, serve più coraggio

Roma, 29 dic. (askanews) - La leadership europea oggi è insufficiente al confronto del passato; serve più coraggio. "Caro direttore", comincia la lettera di Giorgio Napolitano al direttore di Reset, Giancarlo Bosetti, anticipata oggi da Repubblica. Rifacendosi a un colloquio dei giorni scorsi con Bosetti, il capo dello Stato critica l'inadeguatezza dell'attuale leadership europea, proprio mentre siamo "a un terzo appuntamento con la nostra storia", dopo la seconda guerra mondiale e poi la caduta del muro; oggi la sfida è "calare il nostro processo di integrazione nel contesto di una fase critica della globalizzazione". Napolitano scrive senza mezzi termini della necessità, per uscire dalla crisi, di "una profonda, accurata operazione di riduzione e selezione della spesa pubblica; con la "sburocratizzazione e risanamento degli apparati istituzionali e del loro modus operandi". E più ancora: "tale discorso non può non investire le degenerazioni parassitarie del Welfare all'Italiana". Nel segno e nel ricordo di Luigi Einaudi, il monito di Napolitano si rivolge anche e soprattutto agli attori della politica, a quelle leadership europee così insufficienti a paragone dei dirigenti che fondarono il Trattato di Roma e di quelli che stilarono Maastricht. Leadership quelle di oggi che "appaiono in grande affanno a raccogliere la sfida" della crisi, e "appaiono palesemente inadeguate anche a causa di un generale arretramento culturale e di un impoverimento della vita politica demcratica, che hanno congiurato nel provocare fatali ripiegamenti su meschini e anacronistici orizzonti e pregiudizi nazionali". Per reagire "ai rischi che ciò comporta" aggiunge Napolitano, "è importante recuperare apporti di cultura politica che costituiscono preziosi giacimenti ancora insufficientemente esplorati: e farlo innanzitutto paese per paese a cominciare da noi in Italia", scrive il capo dello Stato lodando il numero 127 di 'Reset' sull'eredità di Luigi Einaudi.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Veltroni: la sinistra divisa consegna l'Italia al polulismo
Pd
Renzi: D'Alema non ha mai digerito rospo, scissione Pd colpa sua
Governo
Governo, Alfano: non va stroncato per vicenda interna al Pd
Governo
Renzi: elezioni nel 2018, deciderà Gentiloni se votare prima
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech