martedì 21 febbraio | 13:57
pubblicato il 02/ott/2012 20:00

Crisi/ Napolitano: Lavoro per i giovani è la prima emergenza

Creare occupazione o si rischia una generazione persa

Crisi/ Napolitano: Lavoro per i giovani è la prima emergenza

Madrid, 2 ott. (askanews) -La prima emergenza dei governi deve essere il lavoro per i giovani. Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, intervenendo al teatro della Zarzuela a Madrid dove gli è stato conferito il premio 'Nueva economia forum'. "Lo tsunami finanziario", ha ricordato il Capo dello Stato, ha colpito innanzitutto i giovani "all'angosciosa ricerca di un posto di lavoro senza il quale è difficile fare progetti e nutrire speranze nel futuro. Questa è la prima emergenza alla quale i governi sono chiamati a rispondere, pur nel rispetto delle strettoie finanziarie". Napolitano ha sottolineato come "gli sforzi per favorire l'effettivo avvio di una ripresa economica accomunano Spagna e Italia, una ripresa che crei occupazione, altrimenti - ha avvertito - avremo una generazione persa ai fini del mondo del lavoro con gravi conseguenze sociali e politiche".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Enrico Letta: Pd non può finire così, attonito da cupio dissolvi
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Pd
Rossi: io già fuori dal Pd, spero Emiliano sia conseguente
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia