domenica 04 dicembre | 10:00
pubblicato il 15/feb/2013 18:13

Crisi: Napolitano, gli Usa apprezzano gli sforzi fatti da Unione europea

Crisi: Napolitano, gli Usa apprezzano gli sforzi fatti da Unione europea

(ASCA) - Roma, 15 feb - ''Nel passato piu' o meno recente ci sono state polemiche perche' a espresssioni americane di allarme e giudizi un po' facili sull'Europa nella crisi poi corrispondeva sempre l'argomento: si', va bena ma la crisi e' nata in America. La crisi dal 2008 si e' propagata in Europa ma l'epicentro era in America. Padoa Schioppa l'aveva analizzata come crisi di crescita senza risparmio. Questo rimpallarsi di responsabilita' sulla crisi non portava pero' da nessuna parte. La mia impressione e' che nell'opinione americana ci sia una tendenza ad apprezzare gli sforzi fatti dalle istituzioni europee. Si e' arrivati in effetti a decisioni che due anni fa nessuno prevedeva: fiscal compact, la bank Union, la messa in comune delle politiche di bilancio''. Lo ha detto il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, nella conferenza stampa tenuta a Wshington dopo l'incontro con Barack Obama.

gar/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari