martedì 24 gennaio | 06:23
pubblicato il 09/feb/2012 07:40

Crisi/ Monti oggi da Obama per siglare patto per la crescita

Nel colloquio si parlerà anche di Siria. Domani Onu e Wall Street

Crisi/ Monti oggi da Obama per siglare patto per la crescita

Washington, 9 feb. (askanews) - Un aiuto reciproco, tra Mario Monti che lavora per evitare "l'esplosione" dell'eurozona, e Barak Obama con la sua gestione "salda" dell'economia americana. E' il 'patto' che il premier e il presidente Usa stringeranno oggi, nella prima visita di un capo di governo europeo alla Casa Bianca dopo l'approvazione del nuovo accordo di bilancio Ue. "Aiutiamoci a crescere", è stato l'invito di Monti, lanciato in un'intervista alla tv Usa Pbs. "La salda gestione di Obama aiuta l'Europa, così come noi possiamo aiutarlo", evitando appunto "l'esplosione dell'eurozona". Che Obama apprezzi la linea Monti, tesa appunto allo sviluppo e non solo al rigore finanziario, non è un mistero. E che a Monti possa servire la sponda della Casa Bianca è altrettanto chiaro, per convincere tutta la Ue e soprattutto la cancelliera Angela Merkel della necessità di puntare sulla crescita e di rafforzare i firewall a protezione dei titoli di Stato più esposti sui mercati. Come ormai tradizione nei suoi viaggi internazionali, Monti si è fatto precedere da un'intervista all'emittente pubblica Pbs e da un lungo colloquio con il Wall Street Journal. All'opinione pubblica americana, il premier ha assicurato che l'euro è una "moneta solida", ha rivendicato i successi raggiunti dal suo esecutivo nei tre mesi di vita, con l'Italia che ora è più solida e meno a rischio in caso di default greco, e ha illustrato i passi successivi, compresa la riforma del mercato del lavoro che Monti conta di approvare entro fine marzo. Un quadro apprezzato dagli americani, almeno a leggere il blog del Wsj, che sottolineava il "chiaro cambiamento di rotta" rispetto al predecessore Silvio Berlusconi, definito "un playboy" con "giochi di cattivo gusto". Tra oggi e domani, Monti spiegherà la 'nuova' Italia anche nei luoghi simbolo del potere americano: si inizia alle 10,30 di Washington (le 16,30 in Italia), con l'incontro con John Boehner, speaker del Congresso; poi l'intervento al Peterson Institute, prestigioso think tank della capitale; infine il colloquio con Obama, che oltre alla crisi finanziaria affronterà anche il tema della Siria, come spiegato dal ministro degli Esteri Giulio Terzi che accompagnerà il premier per tutta la visita. Un tema, quello della crisi siriana che probabilmente sarà anche oggetto degli incontri di venerdì a New York con il segretario generale dell'Onu Ban Ki-Moon e il presidente dell'Assemblea Generale Al Nasser. Ma prima di entrare al Palazzo di Vetro, Monti varcherà la soglia di Wall Street, per incontrare il gotha della finanza mondiale.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nega tensione Renzi-Gentiloni su Agcom:non c'è inciucio con Fi
Conti pubblici
Berlusconi: nuova manovra? Rimasti conti da pagare di Renzi
M5s
Di Maio: né Salvini né Meloni, non facciamo alleanze
L.elettorale
Salvini: Consulta deve consentire di andare a elezioni a maggio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4