sabato 25 febbraio | 13:26
pubblicato il 08/gen/2012 22:01

Crisi/ Monti: Italia si è mostrata matura, può essere esempio

Moneta unica non in crisi, ma pesano squilibri

Crisi/ Monti: Italia si è mostrata matura, può essere esempio

Roma, 8 gen. (askanews) - "La maturità con cui tutti in Italia hanno accolto le pesanti misure che abbiamo fatto è qualcosa che può essere di esempio ad altri Paesi". Lo ha detto il presidente del Consiglio, Mario Monti, intervistato a 'Che tempo che fa'. "La Germania - ha aggiunto - ha un'opinione pubblica comprensibilmente preoccupata all'idea di dover un giorno pagare per i comportamenti leggeri di altri paesi in Europa, il mio sforzo nei confronti della Germania consiste dal tempo nel dimostrare che l'Italia è ben lungi dal tenere comportamenti irresponsabili". Secondo Monti, comunque, "l'euro non è in crisi, l'euro va un po' giù o su a seconda delle settimane, ma come moneta non è in crisi. Ha mantenuto solidamente il potere d'acquisto rispetto ai beni che compriamo in Europa e anche il rapporto di cambio con il dollaro. Tutto il problema è che nella zona euro un certo numero di paesi hanno avuto o hanno squilibri nelle loro finanze pubbliche. Anche questo problema, se noi potessimo considerarlo nell'aggregato, non sarebbe drammatico perché la zona euro nel suo insieme ha un disavanzo pubblico rispetto al prodotto che è inferiore a Usa, Gb e Giappone". "Il fatto - ha spiegato il professore - è che noi zona euro non siamo né un singolo Stato né un insieme già completo e compiuto di Stati che si comportano come uno. Quindi il problema della gestione di questi squilibri nasce dal fatto che sono asimmetrici e quei Paesi che hanno delle situazioni buone di bilancio pubblico ovviamente sono inquieti nei confronti di quelli che ce le hanno cattive. L'Italia da questo punto di vista si trova in una posizione difficile ma incoraggiante perchè abbiamo come eredità dei decenni passati un debito pubblico che è molto molto elevato, però con i comportamenti degli anni recenti e, in particolare degli ultimi due mesi, il nuovo comportamento del settore pubblico è da un po' di tempo più virtuoso. Addirittura come ho detto a Sarkozy, l'equilibrio di bilancio nel 2013, che vuol dire che al netto degli interessi pagati sul debito pubblico l'Italia avrà nel 2013 un avanzo di bilancio pari al 5% del Pil, è una cosa che in Europa pensa neanche di avere".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrosinistra
D'Alema: con Orlando segretario Pd si riaprirebbe dialogo
Campidoglio
Grillo: forza Virginia, giornalisti rispettino privacy Raggi
Pd
Pd, commissione unanime: primarie 30 aprile. Renziani: via alibi
Aborto
Aborto, Bindi: bene Zingaretti, se Lorenzin non d'accordo lasci
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech