sabato 10 dicembre | 16:06
pubblicato il 11/lug/2012 21:57

Crisi/ Monti critica 'vecchio ruolo parti sociali'. E' polemica

Reagiscono i sindacati, Camusso: "imbarazzante"

Crisi/ Monti critica 'vecchio ruolo parti sociali'. E' polemica

Roma, 11 lug. (askanews) - Nuova polemica tra il Governo e le parti sociali e questa volta non è la ministra del Lavoro Elsa Fornero ad accendere la miccia, ma direttamente il presidente del Consiglio Mario Monti che se la prende con il "vecchio ruolo delle parti sociali" che "danneggia i giovani". Il presidente del Consiglio ha scelto la platea dell'Abi per la sua strigliata e le reazioni sono state quasi immediate, a cominciare da quelle dei sindacati. Dal fronte politico è Antonio Di Pietro quello che alza di più la voce, ma è chiaro il disagio che l'uscita del premier provoca almeno in una parte del Pd, ovvero in quella storicamente più legata ai sindacati. Ha spiegato Monti: "Le giovani generazioni che si affacciano nel mondo del lavoro e non lo trovano sono state sistematicamente danneggiate" dal modo di "comporre i conflitti" con le parti sociali "in passato. I nostri figli e i nostri nipoti - ha aggiunto - non trovano lavoro" proprio per il modo di "comporre il conflitto con le parti sociali, saldando la differenza occorrente con il bilancio pubblico". Quindi, il presidente del consiglio ha ribadito la filosofia che aveva portato al varo del ddl lavoro, e ai relativi problemi con i sindacati prima e con Confindustria poi. "Le parti sociali vanno consultate, devono far valere i loro interessi ma devono restare parti. Devono essere viste come parti vitali, importanti, ma non soggetti verso i quali il potere politico pratichi l'outsourcing del governo dell'economia". Insomma, il Governo ascolta, ma poi decide e non affida all'esterno la gestione dell'economia.La segretaria Cgil Susanna Camusso ha definito "imbarazzante prendere lezioni di democrazia da chi è stato cooptato e non si è confrontato con il voto degli elettori". Ma anche il leader Cisl Raffaele Bonanni ha stoppato il premier: "Non c'è alternativa alla concertazione in nessun paese a democrazia matura e ad economuia avanzata. I governi, per quanto autorevoli e composti da personalità di altissimo profilo, non possono guidare da soli questa difficile stagione". E pure Luigi Angeletti ha bocciato l'uscita del premier: "il nostro Presidente del Consiglio è più realista del re: pensa di poter salvare l'Italia senza preoccuparsi di salvare gli italiani. Forse, un ascolto più attento delle aspettative di lavoratori e pensionati ci farebbe uscire dalla crisi, tutti insieme, prima e meglio". Confidustria tace, dopo il botta e risposta dei giorni scorsi, ma si è fatta sentire Rete imprese italia: "Se si sono potute fare importanti riforme in questi anni in Italia - ha detto il presidente Giorgio Guerrini - è anche perché gli imprenditori, con senso di responsabilità, hanno fatto la loro parte per mantenere la coesione della società". Sul fronte politico è Di Pietro ad attaccare: "Le affermazioni di Monti sulla concertazione rappresentano un gravissimo attacco ai lavoratori e alle imprese". Per il leader Idv "forse Monti pensa di essere l'unico illuminato dal Signore o peggio auspica modelli come quello cinese". Bersani tace, ma da giorni va ripetendo che è sbagliato dire che per fare le riforme bisogna "fare da soli".Il leader democratico ha più volte ricordato di avere fatto le liberalizzazioni del mercato elettrico ascoltando le parti sociali e difficilmente può avere apprezzato questa uscita di oggi.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Da Mattarella possibile incarico domenica, in pole c'è Gentiloni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina