venerdì 20 gennaio | 13:23
pubblicato il 13/mar/2012 21:31

Crisi/ Monti: Ancora non siamo al sicuro, con Merkel crescita

Dalla cancelliera plauso all'Italia: "Riforme coraggiose"

Crisi/ Monti: Ancora non siamo al sicuro, con Merkel crescita

Roma, 13 mar. (askanews) - D'accordo sulla stabilità dei conti, ora d'accordo anche sulla necessità di azioni "concrete" per la crescita. E d'accordo sulla valutazione degli sforzi fatti dall'Italia: "Superata la fase acuta" della crisi, dice Mario Monti, ma "non ancora al cento per cento fuori dai problemi", gli fa eco la Angela Merkel. Giusto, osserva il premier italiano, perchè - "ancora più chiaramente" - l'Italia "non ha superato neppure l'emergenza, siamo ancora molto impegnati a mettere al sicuro il nostro Paese". Insomma, "non ci si può rilassare", ha avvertito il premier. Il bilaterale tra il presidente del Consiglio e la cancelliera federale, rimandato già per due volte, alla fine riesce ad avere luogo, e si conclude con una conferenza stampa in cui entrambi sottolineano tutti i punti di convergenza, che Monti riassume così: "Tenere ferma la stabilità dei bilanci, accentuare l'orientamento alla crescita in modo concreto e integrato a livello europeo con iniziative che saranno poi ovviamente discusse con gli altri Stati membri e con le istituzioni comunitarie". Perchè anche se la fase acuta della crisi è superata "non ci si può rilassare né sul fronte interno né dal punto di vista delle politiche Ue" e infatti "dopo il fiscal compact occorre che l'Unione europea entri in una fase nella quale presti analoga attenzione alle politiche per la crescita e l'occupazione, soprattutto giovanile". D'accordo anche su Tobin tax e sulla necessità di una rapida approvazione del fiscal compact, Merkel esprime il suo "profondo rispetto" per le riforme "coraggiose" adottate dall'Italia, e sottolinea che ora "abbiamo bisogno di crescere, difenderci insieme in un mondo di grande competitività" e "dobbiamo trovare un equilibrio. L'Europa nei prossimi anni si dovrà concentrare su tre punti: la competitività, nei confronti di potenze come Cina e India, i posti di lavoro e il consolidamento fiscale". Ma difficilmente queste sfide si affronteranno con un Monti a capo dell'Eurogruppo: "Ogni riferimento alla mia persona in questa fase la considero un segno di rispetto per l'Italia e il governo che presiedo, ma vi pare che un presidente del Consiglio italiano possa assumere anche altri compiti?".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
Blog Grillo: col cuore in Abruzzo. E' il momento di essere uniti
Pd
Pd, correnti in tensione su voto subito e leadership Renzi
Terremoti
Gentiloni a Chigi, pre-Consiglio ministri su emergenze sisma-neve
Terremoto
M5s cancella mobilitazione giorno decisione Consulta su Italicum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Our Place in Space, in mostra l'Universo nelle immagini di Hubble
TechnoFun
A Unidata gara per frequenze reti radio a larga banda
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale