lunedì 05 dicembre | 01:34
pubblicato il 29/ago/2012 21:43

Crisi/ Merkel promuove Italia: Può farcela anche senza scudo

'Piena fiducia' in Monti che assicura: Avanti su riforme

Crisi/ Merkel promuove Italia: Può farcela anche senza scudo

Berlino, 29 ago. (askanews) - In conferenza stampa si limita a dire di avere "piena fiducia nel fatto che il governo italiano potrà prendere le decisioni necessarie in base alle sue capacità e forze". Nel colloquio con Mario Monti a Berlino, Angela Merkel si sarebbe spinta più in là, sostenendo che l'Italia può farcela a superare la crisi, anche senza chiedere l'attivazione dello scudo anti-spread, se riterrà di non doverlo fare. Fonti italiane raccontano così le quasi due ore di colloquio tra il premier e la cancelliera, con il tema della possibile richiesta italiana di intervento dell'Esfs che è argomento obbligato, dopo le indiscrezioni apparse questa mattina su alcuni quotidiani che volevano una Merkel determinata a convincere il Professore a presentare la richiesta. Sarebbe stato lo stesso Monti a chiedere se fosse davvero così, ricevendo in risposta la secca smentita che la cancelliera ribadirà poi in conferenza stampa. La domanda di Monti è invece l'occasione per la Merkel di ribadire il suo apprezzamento per quanto fatto dal governo, e appunto - secondo fonti italiane - per assicurare la "piena fiducia" nel governo italiano che, a patto di continuare sulla strada delle riforme e della disciplina di bilancio, potrà uscire dalla crisi anche senza chiedere l'intervento dello scudo europeo. E che l'Italia non ha alcune intenzione di cambiare rotta lo assicura Monti nella conferenza stampa: anche se iniziano ad arrivare il "riconoscimento" e i "risultati" degli sforzi fatti dall'Italia, "bisogna essere persistenti", e dunque "è ovvio che non ci si può fermare con qualche parvenza di buon risultato ma andare avanti con determinazione". "L'Italia, come la Merkel gentilmente ha riconosciuto, ha fatto progressi credo rilevanti in questi mesi con il generoso supporto delle forze politiche, delle forze sociali e dei cittadini soprattutto, e questi progressi iniziano a essere riconosciuti", come testimoniano i giudizi delle autorità internazionali e "i buoni risultati delle emissioni" di titoli pubblici, che oggi hanno visto il Tesoro collocare 9 miliardi di titoli a tassi che non si registravano da marzo. Insomma, "credo ci sia motivo di sperare", aggiunge Monti, "ma non di allentare gli sforzi", perchè i "pre-requisiti" per tornare a crescere "sono disciplina dei conti pubblici e riforme strutturali". E motivi di speranza Monti li vede anche nella Ue, che ha fatto "progressi rilevanti" nel miglioramento della governance. Con Merkel che assicura il pieno sostegno tedesco al rapporto dei quattro presidenti (Van Rompuy, Barroso, Juncker e Draghi) sul futuro dell'Unione. Divergenze restano però, tra Monti e Merkel, sulla licenza bancaria per l'Esm: "E' vietata dai trattati", taglia corto la cancelliera. Con il premier che però fa notare come i trattati "possono essere modificati", e dunque certe cose che non sono possibili oggi alle attuali condizioni, lo possono essere domani con nuove condizioni". O magari "se un certo strumento non trova consenso, si possono trovare strumenti alternativi da sviluppare". Ma al di là di questi piccoli dissensi, resta il fatto che la visita a Berlino sancisce la posizione 'morbida' della Merkel, rispetto ai messaggi che arrivavano solo fino a poche settimane fa, quando nel governo non si faceva mistero che la Germania premesse perchè l'Italia chiedesse aiuto alla Ue con le conseguenti 'tutele'. Già nei giorni scorsi, membri italiani del governo distinguevano le reali posizioni di Berlino rispetto alle 'sparate' dei falchi. Ora è la stessa cancelliera a dare fiducia all'Italia, a promuovere i suoi sforzi per il consolidamento di bilancio e "l'impressionante" programma di riforme di Monti, e a dire che potranno essere queste riforme - senza dunque la tutela di Ue-Bce-Fmi - a fare scendere gli spread dell'Italia. Quanto all'impegno su questa strada dopo le elezioni, Monti assicura: "I partiti sono maturati, e poi ci sono i vincoli Ue".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Riforme
Referendum,Centro-Nord spinge affluenza oltre 60%,Sud sotto il 50%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari