sabato 03 dicembre | 07:48
pubblicato il 01/ago/2011 14:40

Crisi/ Mercoledì Berlusconi a Camere, giovedì incontri con parti

Bersani sente leader opposizioni, premier si consulta con Bossi

Crisi/ Mercoledì Berlusconi a Camere, giovedì incontri con parti

Roma, 1 ago. (askanews) - Mercoledì dibattito alle Camera sulla crisi con il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Giovedì tavoli separati a poche ore di distanza governo-parti sociali e opposizioni-parti sociali sulle misure anticrisi e sull'appello-allarme sottoscritto la scorsa settimana dalle diverse parti sociali, esclusa la Uil. L'esecutivo ha fissato la convocazione per giovedì alle 11 con la partecipazione di Silvio Berlusconi insieme al sottosegretario Gianni Letta, ai ministri dell'Economia, dello Sviluppo, del Lavoro e, forse, con anche con Umberto Bossi o comunque uno dei ministri della Lega. L'incontro con le opposizioni, invece, si terrà nel pomeriggio dopo che si era in un primo tempo ipotizzato un tavolo unico. Tramontato anche a seguito dell'annunciata disponibilità di Berlusconi a presentarsi mercoledì in Parlamento e confrontarsi in quella sede sulla crisi con le opposizioni. In vista degli incontri di giovedì, intanto, il segretario del Pd Pierluigi Bersani, oggi - oltre ad aver avuto contatti con Pier Ferdinando Casini e Antonio Di Pietro per spostare la data del loro incontro con le parti sociali - ha sentito anche la presidente di Confindustria Emma Marcegaglia, con i segretari generali di Cgil e Cisl Susanna Camusso e Raffaele Bonanni, con il presidente dell'Abi Giuseppe Mussari. Per quanto riguarda il governo, il ministro del Lavoro Maurizio Sacconi ha riferito che l'esecutivo è pronto al confronto su un'agenda di cinque punti. Tra questi: la riduzione delle tasse con il disegno di legge delega, l'avvio di una stagione di privatizzazioni e liberalizzazioni, monitoraggio degli investimenti alle imprese, verifica del rapporto tra banche e imprese alla luce di Basilea 3, relazioni industriali, ammortizzatori sociali e statuto dei lavori e taglio dei costi della politica. Sul fronte maggioranza, infine, in vista della due giorni sulla crisi in Parlamento e a Palazzo Chigi, Pdl e Lega tentano di serrare le fila e non è escluso questa sera un ultimo 'vertice del lunedi' pre-vacanze fra Berlusconi e Bossi ad Arcore. Con probabili commensali gli altri ministri della Lega e Angelino Alfano. Fra le cose ancora da decidere, vi è infatti la necessità, avvertita in particolare dalla Lega e, secondo alcune fonti del Pdl, dallo stesso Alfano, di non far apparire le forze politiche del centrodestra in quanto tali 'tagliate fuori' dal confronto con le parti sociali. La partecipazione di Bossi o di uno degli altri due ministri leghisti, Maroni o Calderoli, all'incontro a palazzo Chigi, può sopperire per il Carroccio. Ancora da districare la questione Pdl: Angelino Alfano del governo non fa più parte ma ora è a pieno titolo il segretario del partito di maggioranza relativa.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari