sabato 03 dicembre | 01:44
pubblicato il 07/mar/2012 16:57

Crisi marò/ Monti: India rischia creare pericoloso precedente

"Evitare atteggiamenti non in linea con diritto internazionale"

Crisi marò/ Monti: India rischia creare pericoloso precedente

Roma, 7 mar. (askanews) - Nella gestione della crisi che coinvolge i due marò italiani, l'India eviti atteggiamenti "non in linea con il diritto internazionale" perchè rischierebbe dicreare un "pericoloso precedente" complicando il contrasto internazionale alla pirateria. E' quanto ha sottolineato il premier Mario Monti, nell ungo colloquio telefonico avuto questa mattina con il Primo ministro della Repubblica dell'India, Manmohan Singh. "Ogni atteggiamento da parte indiana non pienamente in linea con il diritto internazionale - si legge nella nota di palazzo Chigi che riferisce i contenuti del colloquio - rischierebbe di creare un pericoloso precedente in materia di missioni internazionali di pace e di contrasto alla pirateria, missioni in cui sono impegnati anche militari indiani, mettendone a repentaglio l'efficacia e le capacità operative".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari