sabato 03 dicembre | 01:43
pubblicato il 30/ott/2011 09:10

Crisi/ Marcegaglia: Italia rispetti impegni. L'Euro? Mi piace

Presidente di Confindustria premiata al Niaf a Washington

Crisi/ Marcegaglia: Italia rispetti impegni. L'Euro? Mi piace

New York, 30 ott. (askanews) - "L'Italia deve rispettare gli impegni presi con l'Europa con serietà, deve portare avanti le riforme che si è impegnata a fare. E' fondamentale, altrimenti le conseguenze saranno pesanti". Lo ha detto la presidente di Confindustria Emma Marcegaglia, parlando da Washington durante la serata di gala della National Italian American Foundation, dove ha ricevuto il premio Special Achievement Award in Women's Leadership. "Sono state fatte proposte positive e con obiettivi corretti, bisogna capire i dettagli, ma soprattutto bisogna applicarle, ne va della credibilità del Paese", ha detto. A chi le ha fatto una domanda provocatoria sui commenti del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi a proposito dell'euro, Marcegaglia si è limitata a rispondere: "l'euro mi piace, assolutamente sì", tornando poi a parlare del cambiamento necessario nel Paese. "Le riforme vanno fatte, il Paese ne ha bisogno", ha detto, parlando a margine della premiazione e sottolineando che si capirà "velocemente se c'è la volontà di fare le riforme promesse. I mercati non reagiscono ancora bene, l'incertezza rimarrà finché non si passerà all'azione. Un motivo in più per farle". Parlando del discorso del presidente americano Barack Obama, la presidente di Confindustria ha sottolineato che "bisogna prendere esempio dagli Stati Uniti. Le parole di Obama mi sono piaciute perché ha sottolineato come in America si cerchi sempre di premiare il merito, a differenza di quello che spesso accade nel nostro paese". Marcegaglia ha inoltre sottolineato che "in tempi difficili, non solo per l'Italia ma a livello globale, bisogna guardare indietro alle nostre radici. L'Italia è un Paese fantastico, ha enorme potenzialità, non mancano voglia di fare e intelligenza, ma è forse il sistema che non sempre lascia spazio a chi è bravo". Marcegaglia ha concluso dicendo che "questo è uno dei momenti della storia dove bisogna lavorare insieme per aumentare la crescita". Proprio di strategie per stimolare la crescita, si parla ancora troppo poco in Europa: "si parla più di austerità, mentre servirebbero progetti concreti per la crescita". A24-Ars

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari