giovedì 08 dicembre | 19:31
pubblicato il 03/dic/2013 16:55

Crisi: Letta a Rehn, non si permetta di usare termine scetticismo

Crisi: Letta a Rehn, non si permetta di usare termine scetticismo

(ASCA) - Roma, 3 dic - ''L'Italia e' un Paese serio'', ha i ''conti in ordine'' e un commissario Ue ''deve essere garante dei Trattati europei, nei quali la parola scetticismo non c'e'''. Lo afferma il presidente del Consiglio Enrico Letta nel corso della presentazione del libro fotografico dell'Ansa sugli eventi del 2013 riferendosi alle dichiarazioni del commissario europeo Olli Rehen, che oggi ha detto di avere ''scetticismo nei confronti di un risanamento dei conti italiani.

Un commissario europeo, continua Letta, ''non puo' permettersi di parlare di scetticismo ma di conti, di stabilita' finanziaria. Non puo' quindi togliersi la giacca di commissario quando, come accade, e' in competizione per entrare nel prossimo Parlamento europeo''. Altrimenti con questo atteggiamento, rileva il premier, ''avremo un Parlamento carico di populismi, di euroscettici e non di ideali''.

fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Pontassieve riaccoglie Renzi: "non molli ora, deve andare avanti"
Governo
Mattarella apre consultazioni,l'arbitro silente debutta in campo
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Governo
Crisi, Grillo: elezioni subito senza scuse, legge elettorale c'è
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni