mercoledì 18 gennaio | 18:09
pubblicato il 03/ago/2011 21:57

Crisi/ Lega conferma tregua estiva:Ma a settembre si tirano somme

Maroni apprezza Berlusconi. Reguzzoni: No alternative ad alleanza

Crisi/ Lega conferma tregua estiva:Ma a settembre si tirano somme

Roma, 3 ago. (askanews) - Umberto Bossi non è in Aula, ma solo a causa di una visita medica. In compenso 'torna' tra i banchi del governo Roberto Maroni, dopo averli disertati nel giorno del sì all'arresto di Alfonso Papa. Regge dunque la tregua estiva tra la Lega e Silvio Berlusconi, ma il Carroccio non rinuncia a fissare le proprie condizioni perchè il governo vada avanti: accelerare sulle riforme costituzionali, disimpegnarsi dalle missioni internazionali. Oltre a una serie di attacchi al sistema bancario e anche ai costi del Quirinale. Con l'appuntamento fissato a settembre per tirare le somme e capire le prospettive del governo. Stavolta dunque l'intervento del capogruppo Marco Reguzzoni non viene criticato dagli uomini di Maroni. Anzi, è lo stesso titolare del Viminale a dirsi in Transatlantico "molto soddisfatto per l'intervento concreto e solido" del premier e per "la strategia dal presidente del Consiglio". Così come per l'apertura di dialogo verso l'opposizione. Insomma, anche l'enfasi con cui il capogruppo del 'cerchio magico' ha battuto sull'alleanza tra Bossi e Berlusconi e la nettezza con cui ha escluso ogni altra alternativa ad un governo presieduto dall'attuale premier, vengono 'tollerate' dai maroniti: "In questo momento la linea è questa". Del resto, ricordano, quello a cui pensa il ministro dell'Interno "non è certo un governo tecnico" ma solo un allargamento della maggioranza all'Udc. Che però sarebbe possibile solo con un passo indietro di Berlusconi, che almeno fino a settembre non sarà chiesto. "Poi certo, bisogna vedere come i mercati reagiranno domani all'intervento di Berlusconi", nota un deputato vicino a Maroni. In questo caso, però, la prima opzione cui parte del Carroccio pensa è "l'anticipo della manovra, già in agosto". Anche perchè "se va fatta è meglio farla il primo possibile", senza contare che "convocare il Consiglio dei Ministri e poi il Parlamento durante la pausa agostana, un fatto senza precedenti, sarebbe anche un segnale ai cittadini della serietà con cui la politica sta gestendo questa crisi. E in tempi di antipolitica è più che necessario". In ogni caso, un nuovo bilancio sulle prospettive dell'attuale governo sarà tracciato a settembre: "Dopo la pausa si vedrà quanto filo c'è ancora da tessere".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fca
Fca,Gentiloni a Merkel: omologazione spetta a autorità italiane
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Brexit
Brexit,Gentiloni:May fa chiarezza, Ue pronta a discutere con Gb
Terremoti
Terremoto, Boschi segue situazione. In contatto con Curcio e Errani
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Alla Luiss il primo corso di alimentazione sostenibile
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina