giovedì 08 dicembre | 19:03
pubblicato il 14/apr/2012 05:10

Crisi/ Lavoro e crescita, Monti convoca 'ABC' per martedì

Ipotesi sblocco crediti.Forse già lunedì decreto per frequenze tv

Crisi/ Lavoro e crescita, Monti convoca 'ABC' per martedì

Roma, 14 apr. (askanews) - Mettere a punto le ultime modifiche al ddl lavoro, provare a gettare le basi per qualche altra misura di rilancio della crescita. Con i segretari dei partiti che avanzano le loro proposte: Angelino Alfano che insiste con la rateizzazione dell'Imu, Pierluigi Bersani che rilancia l'ipotesi della patrimoniale proprio per ridimensionare l'impatto della tassa sulla casa, Pier Ferdinando Casini che chiede "dopo il rigore" il "momento della crescita". Con queste premesse, Mario Monti ha convocato per martedì sera il vertice con 'ABC': a palazzo Chigi i quattro si ritroveranno a cena, e il menu sarà appunto costituito da lavoro e crescita. Sul primo punto, la strada sembra tracciata: qualche modifica alla flessibilità in entrata, per venire incontro alle richieste delle imprese e del Pdl, senza stravolgere il senso del provvedimento che comunque ha come filosofia un costo lievemente maggiore per i contratti a tempo determinato. Sul secondo punto, invece, è ancora tutto in fieri. Perchè nel governo non si trova traccia di nuove misure per stimolare la crescita, che peraltro "non si può certo fare per legge", osserva un membro dell'esecutivo. Qualche idea il premier proverà a metterla insieme in un prevertice con i ministri economici, che si dovrebbe tenere lunedì prima del Consiglio dei Ministri convocato per l'esame della Def e della delega fiscale. E forse anche dallo stesso Cdm potrebbero arrivare un minimo di risorse da destinare allo sviluppo: non è previsto all'ordine del giorno, ma il decreto legge sull'assegnazione delle frequenze digitali potrebbe andare fuori sacco. In ogni caso, prima del 20 aprile ci dovrà essere il provvedimento. Le altre ipotesi che circolano riguardano poi lo sblocco di qualche tranche di pagamenti alle imprese, e una 'moral suasion' sul sistema bancario per allargare un po' i cordoni. A questo proposito, l'Italia è impegnata - spiega una fonte di governo - a 'contrattare' in sede europea un abbassamento del coefficiente patrimoniale per le banche, nella Direttiva Ue di prossima emanazione. Se ci si riuscisse, spiega un membro dell'esecutivo, "si darebbe un po' di sollievo al sistema produttivo". Se poi Monti "tirerà fuori qualcosa dal cilindro - dice un ministro - ancora non lo sappiamo". Resta il fatto che la recessione è ormai è la principale preoccupazione, anche per la spirale negativa in cui avviterebbe i conti pubblici rischiando di vanificare i sacrifici fin qui fatti. E così i leader della maggioranza insistono sul punto: Alfano chiede "crescita e sviluppo", e anche per Casini "dopo il rigore è il momento della crescita". Anche Bersani si presenterà al vertice "con qualche idea credo buona". Di sicuro "questa è la priorità assoluta in questo momento, perchè senza contenere la recessione anche tenere a posto i conti diventa un esercizio molto difficile".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Pontassieve riaccoglie Renzi: "non molli ora, deve andare avanti"
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Governo
Mattarella apre consultazioni,l'arbitro silente debutta in campo
Governo
Crisi, Grillo: elezioni subito senza scuse, legge elettorale c'è
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni