giovedì 23 febbraio | 08:20
pubblicato il 26/mag/2012 07:12

Crisi/ Lagarde: Monti è una rivoluzione, è segnale di speranza

Intervista al Guardian: "Cambia percezione, riporta la fiducia"

Crisi/ Lagarde: Monti è una rivoluzione, è segnale di speranza

Roma, 26 mag. (askanews) - "Ci sarà una via di uscita" dalla crisi. Ne è certa Christine Lagarde, direttore del Fondo monetario internazionale, che in un'intervista concessa al quotidiano britannico The Guardian elenca "un paio di messaggi positivi". "Il primo", afferma, è che "il protezionismo non sta tornando". "La seconda ragione per l'ottimismo è che, come diceva Robert Musil, 'l'uomo è capace di tutto, incluso il meglio'. Guardate -ha detto riferendosi all'Italia, pur senza citarla - come una situazione può essere rivoluzionata da un solo individuo, mandando via il signor Berlusconi e facendo arrivare il signor Monti: lui è perfettamente impegnato e non guarda al suo futuro politico perché non gli interessa. Fa il suo lavoro. Cambia la percezione e riporta la fiducia. Anche questo è un segnale di speranza", ha affermato Lagarde.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Campidoglio
Grillo: entro due giorni Raggi risolve questione di stadio Roma
Centrosinistra
Entro sabato gruppi ex Pd, pressing per convincere parlamentari
Roma
Grillo: Roma una bomba atomica, che pretendete da M5s?
Governo
Renzi: governo fa cose importanti ma se ne parla poco
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
A Tallinn in Estonia un robot fattorino fa consegne a domicilio
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech