sabato 03 dicembre | 03:49
pubblicato il 18/lug/2013 19:39

Crisi: Grillo, oggi peggio del '92, andiamo verso il default

Crisi: Grillo, oggi peggio del '92, andiamo verso il default

(ASCA) - Roma, 18 lug - ''Cosa ci aspetta nei prossimi mesi? La situazione economica e' simile al 1992 quando Giuliano Amato, allora presidente del Consiglio, si presento' in televisione per annunciare una manovra finanziaria di 90.000 miliardi di lire e l'introduzione dell'ICI. Cosa avvenne allora? Piccolo ripasso: prelievo forzoso dei conti correnti, svalutazione della lira del 7%, abbandono del Sistema Monetario Europeo (SME) che limitava l'oscillazione delle monete in Europa. Il debito pubblico, oggi come allora, era in crescita esplosiva. Purtroppo chi non impara dalla Storia e' condannato a ripeterla e ci aspetta un nuovo '92 con Capitan Findus Letta nei panni dell'ex tesoriere di Craxi, Giuliano Amato''. Lo scrive Beppe Grillo sul suo blog in un post dal titolo 'E se domani...', dove prevede il default e allega un fotomontaggio che ritrae il premier Enrico Letta con il berretto da marinaio e sullo sfondo il Titanic che affonda.

''Qualcosa pero' e' cambiato, in peggio. Nel '92 - spiega Grillo - il nostro sistema produttivo era ancora in piedi, non c'erano state le privatizzazioni selvagge di imprese vitali per lo sviluppo del Paese, come Telecom, la disoccupazione era sotto controllo. Era un'altra Italia che si poteva permettere una mazzata fiscale mai vista prima.

L'aumento del debito pubblico a maggio e' passato inosservato, ma il record di 2.074,6 miliardi, con un aumento di 33,4 miliardi rispetto ad aprile e' sensazionale, da fine di Pompei. Il debito e' fuori controllo e gli interessi aumentano con la svalutazione economica dell'Italla a BBB e con un PIL in caduta libera, meno 2,4 nel primo semestre e un probabile meno 3 a fine anno. La diminuzione del PIL significa chiusura delle aziende, disoccupazione e diminuzione delle entrate tributarie. Questa forbice, diminuzione del PIL e aumento del debito, non puo' durare a lungo. Si discute di mesi, non di anni. In Europa per gli interessi pagati rispetto al PIL stiamo peggio di tutti. Nel 2012 abbiamo pagato il 5,4% del PIL in interessi, piu' della Grecia, 5%, del Portogallo, 4,4%, e dell'Ungheria, 4,3%. Il fabbisogno annuale dello Stato e' di circa 800 miliardi di euro, circa 100 se ne vanno in interessi sul debito. Un euro ogni otto''.

''La corsa del debito e' irrefrenabile. Non possiamo trasformare la nostra vita in un mutuo eterno. Gia' ora il costo per famiglia di soli interessi e' di circa 4.000 euro medi all'anno di tasse. Con il ritmo attuale, nel medio termine, tutte le entrate dello Stato sarebbero destinate al solo pagamento di interessi sul debito. Dato che questo non e' possibile, l'alternativa, in assenza di eurobond o di rinegoziazione del debito, e' il default'', conclude Grillo.

com-ceg/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari