sabato 03 dicembre | 08:15
pubblicato il 18/set/2013 16:18

Crisi: Grillo, Italia in coma per colpa euro. Letta burattino Bruxelles

Crisi: Grillo, Italia in coma per colpa euro. Letta burattino Bruxelles

(ASCA) - Roma, 18 set - ''L'ossessione di Napolitano e Letta per la stabilita' altro non e' che una parvenza di governo con quattro burattini a Roma manipolati da Bruxelles. Letta e' perfetto per questo ruolo. Punta alla foto di gruppo al G7 in Italia nel 2014 da appendere in camera accanto a quella di Andreotti e Napolitano''. Lo scrive il leader del Movimento 5 Stelle Beppe Grillo sul suo blog in un post dal titolo 'La guerra dell'Euro'. ''L'Italia e' in coma. E' l'esplosione del debito privato, in prevalenza delle nostre banche verso la BCE, originatosi nel regime a cambi fissi dell'euro, a rendere insostenibile il nostro debito pubblico. Bisogna guardare alla bilancia commerciale oltre che al debito pubblico. Solo se si riconosce che l'ingresso nell'Euro ha tarpato le ali alla gia' scarsa competitivita' italiana si potra' iniziare un vero dibattito. L'euro ha agito da acceleratore della crisi.

Va messo in discussione il tema della sovranita' monetaria per riformare il Paese. Pretendere di farlo in questo Euro, a queste condizioni di austerita', in tempi brevi e con questa classe dirigente e' pura utopia. C'e' stata una guerra, - scrive Grillo - la guerra dell'euro e come dopo ogni guerra persa ci sono i debiti di guerra da regolare. La guerra l'ha vinta la Germania che ora reclama i suoi 700 miliardi di euro di crediti concessi alla periferia dell'Europa, di cui 200 miliardi dall'Italia. Vanno avanzate proposte su come gestire e regolare i debiti di guerra per evitare il nostro fallimento''.

''Sono passati tre anni di recessione, disoccupazione e crollo dei consumi e la situazione e' peggiorata. L'euro ha scaricato su lavoratori e pensionati aggiustamenti di competitivita' con gli altri Paesi dell'area Euro ottenibili solo con austerita' e disoccupazione. I media in difesa dell'establishment ignorano completamente un legittimo dibattito sull'euro. Colpevoli e complici. Il M5S e' l'unico in Parlamento a parlare di sovranita' monetaria e di signoraggio. I cittadini si stanno informando. Piu' Europa e meno banche. E' necessario un nuovo concetto di Europa, solidale e veramente comunitaria. Il ruolo dell'Italia in Europa e' fondamentale, ma dobbiamo ridiscutere le condizioni in cui partecipiamo, a partire dall'emissione di eurobond che tutelino le economie piu' deboli, di una rinegoziazione del debito pubblico e della cancellazione del Fiscal Compact, un nodo scorsoio che impicchera' il nostro Paese'', conclude Grillo.

com-ceg/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari