domenica 04 dicembre | 18:12
pubblicato il 12/giu/2012 14:14

Crisi/ Gaffe della Fekter, evoca aiuti Italia poi rimangia tutto

Monti duro:frasi inappropriate.L'austriaca non è nuova alle gaffe

Crisi/ Gaffe della Fekter, evoca aiuti Italia poi rimangia tutto

Roma, 12 giu. (askanews) - Nuovo scivolone diplomatico della ministra delle Finanze dell'Austria, Maria Fekter, che dopo aver evocato i rischi di una richiesta di aiuti anche da parte dell'Italia, dopo quella appena preannunciata dalla Spagna, poi ha dovuto affrettarsi a rimangiarsi tutto sminuendo le probabilità di uno scenario simile. "Non vediamo alcun segnale che l'Italia farà richieste simili. Io non ne vedo", ha affermato ai giornalisti al termine di un Consiglio di ministri, secondo quanto riporta Dow Jones. Il problema è che poco prima, in mattinata, in una intervista alla rete televisiva austriaca ORF, la Fekter aveva fatto una sparata decisamente allarmante: "Dati gli elevati rendimenti che l'Italia deve già pagare per rifinanziarsi sui mercati - aveva detto - potrebbe richiedere aiuti sui pagamenti". Salvo poi aggiungere che la situazione economica del Belpaese non era poi "così male". Da ieri i tassi retributivi dei Btp decennali sono risaliti al di sopra della soglia allarmistica del 6 per cento. Le dichiarazioni della Fekter hanno provocato una reazione irritata del governo italiano. "Siccome considero del tutto inappropriato che un ministro delle Finanze di uno Stato membro commenti, e commenti in questo modo, la situazione di un altro Stato membro - ha affermato il presidente del consiglio Mario Monti durante una conferenza stampa - mi astengo dal commentare a mia volta le dichiarazioni di questo ministro". Non è certo la prima volta che l'irruente ministra austriaca incappa in gaffe o incidenti con le sue dichiarazioni, spesso avventate. Uno degli episodi più eclatanti risale alla fine del marzo scorso, quando fece andare su tutte le furie il capo dell'Eurogruppo, Jean-Claude Juncker, spifferando ai giornalisti le decisioni appena prese nella riunione prima che Juncker stesso le illustrasse alla stampa. E si trattava di questioni di non poco conto: l'accordo sulla mole dei nuovi sistemi anti crisi di cui si dotavano i paesi dell'area euro. Il lussemburghese non prese per nulla bene l'episodio, tanto che per protesta arrivò a cancellare del tutto la sua conferenza stampa.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari