domenica 26 febbraio | 23:09
pubblicato il 22/feb/2013 15:51

Crisi: Fassina, dati Commissione Ue agghiaccianti

Crisi: Fassina, dati Commissione Ue agghiaccianti

+++Cieca austerita', in Italia ed Europa effetti dirompenti.

Per Correggere strada ci sono proposte Pd+++.

(ASCA) - Roma, 22 feb - ''Le stime per il 2012 e le previsioni per il 2013 e 2014 per l'Unione europea e l'euro-zona diffuse oggi dalla Commissione europea sono agghiaccianti, in particolare per il lavoro. Dopo una lunga stagione di pesantissima e cieca austerita' e di svalutazione del lavoro, i risultati, per l'euro-zona non soltanto per l'Italia, sono: profonda recessione, aumento vertiginoso della disoccupazione e, inevitabilmente, aumento del debito pubblico''.

Lo afferma Stefano Fassina, responsbile economia e lavoro del Pd, che aggiunge: ''Anche questa volta, come puntualmente avvenuto con ogni previsione degli ultimi 4 anni, la Commissione annuncia che la ripresa e' in arrivo. Purtroppo, non e' cosi'. La linea di politica economica seguita nell'euro-zona non consente una ripresa sufficiente a riassorbire la disoccupazione neanche nel medio periodo. La linea mercantilista dei conservatori europei non funziona perche' non puo' funzionare. A quanto deve arrivare il tasso di disoccupazione prima di riconoscere che e' necessario correggere? Quanto si devono rigonfiare i populismi anti-europeisti prima di cambiare strada? Oggi, la priorita' e' sostenere la domanda interna europea, attraverso investimenti innovativi e redistribuzione del reddito. Per l'Italia, la previsione e' ancora piu' grave rispetto alla media dell'euro-zona. Di fronte a tale scenario, e' deprimente ascoltare il Presidente Monti proporre, come ha fatto anche oggi, la cancellazione dell'articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori''. ''Riforme strutturali sono necessarie per le pubbliche amministrazioni, per la giustizia, per il fisco, per l'energia. Tuttavia -afferma Fassina- , senza sostegno alla domanda la spirale recessiva sul piano economico e regressiva sul piano democratico diventa sempre piu' soffocante. Per riaprire una prospettiva di ripresa, il Pd propone il pagamento in 5 anni di 50 miliardi di debiti delle pubbliche amministrazioni verso le imprese; un allentamento del Patto di Stabilita' Interno per avviare cantieri per 7,5 miliardi di euro; la cancellazione dell'Imu per tre quarti delle famiglie e la riduzione dell'Imu sui beni strumentali delle imprese. Un'altra Italia e un'altra Europa e' possibile''. min

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Veltroni: la sinistra divisa consegna l'Italia al polulismo
Pd
Renzi: D'Alema non ha mai digerito rospo, scissione Pd colpa sua
Governo
Governo, Alfano: non va stroncato per vicenda interna al Pd
Governo
Renzi: elezioni nel 2018, deciderà Gentiloni se votare prima
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech