domenica 22 gennaio | 15:22
pubblicato il 07/giu/2013 11:36

Crisi: Della Vedova, fantasie Berlusconi pericolose per Letta

Crisi: Della Vedova, fantasie Berlusconi pericolose per Letta

(ASCA) - Roma, 7 giu - ''La governance economica europea puo' e deve essere cambiata; per farlo non occorrono sparate propagandistiche da campagna elettorale, ma una discussione tra pari nelle sedi proprie, dove si e' ascoltati se credibili. Nonostante il virtuoso tentativo dell'intervistatore Giuliano Ferrara di portare la discussione ai piani alti, le parole di Berlusconi al Foglio suonano stonate e pericolose per il Governo Letta. Berlusconi butta la palla in tribuna strologando sulle 'soluzioni regionali' o la 'scomposizione dell'area euro', anziche' fare mea culpa e proporre riforme''. Lo afferma in una nota Benedetto Della Vedova, portavoce politico di Scelta Civica.

''Se l'Italia ora arranca dietro la Germania ed e' stata a lungo afona in Europa, sul piano politico la principale responsabilita' e' proprio del Cavaliere che - sottolinea Della Vedova - ha guidato governi, specie l'ultimo, incapaci di assumere decisioni all'altezza e di fare riforme. E' da questo che dobbiamo partire, se vogliamo affrontare i problemi del Paese''. Prima di Monti, continua, l'Italia ''aveva perso voce in capitolo in Europa, con Monti l'ha ritrovata e ora sta a Letta mettere a frutto il dividendo del Governo montiano, rifuggendo dai voli pindarici berlusconiani. Il Governo Monti - aggiunge Della Vedova - ha centrato l'obiettivo imposto da Berlusconi del deficit al 3% e ha consentito all'Italia di uscire dalla procedura europea; nel frattempo ha sbloccato il pagamento di 40 miliardi di euro alle imprese. Questo e' stato possibile con riforme vere e quindi impopolari nell'immediato. Sulle pensioni, sulla spesa pubblica, sul fisco e sull'evasione''. Della Vedova auspica che Letta ''non ceda alle sirene berlusconiane e all'illusione che i nostri problemi siano tutti a Bruxelles e a Berlino e non a Roma, ma prosegua sul terreno delle riforme per la competitivita' dell'Italia.

Scelta Civica lo sosterra' sulla strada della serieta' e del confronto serrato ma pragmatico in Europa. Se Letta, invece, andasse davvero a un velleitario braccio di ferro con la Merkel imposto da Berlusconi lo perderebbe malamente e, comunque - conclude Della Vedova - lo farebbe senza di noi''.

com-fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: Gentiloni pronto a riferire in Parlamento
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4