domenica 04 dicembre | 15:41
pubblicato il 21/mag/2013 10:05

Crisi: Coldiretti, Governo ha media di 53 anni, 11 in meno precedente

(ASCA) - Roma, 21 mag - Sulla scia del ringiovanimento parlamentare si e' abbassata sensibilmente anche l'eta' anagrafica media della nuova compagine di Governo, che scende per i membri dell'Esecutivo Letta a 53 anni, 11 anni in meno del Governo Monti. E' quanto emerge dal secondo report sull'eta' media della classe dirigente italiana, presentato nel corso dell'Assemblea dei giovani della Coldiretti e realizzato in collaborazione con il Gruppo 2013. Il Presidente del Consiglio, Enrico Letta (46 anni) - informa la Coldiretti - e' circa un quarto di secolo piu' giovane del suo predecessore Mario Monti e di oltre 30 anni di Silvio Berlusconi, a capo del Governo prima dell'arrivo dei ''tecnici''. Due generazioni sideralmente distanti: l'attuale premier nato nell'immediato pre-Sessantotto repubblicano e i suoi predecessori durante il fascismo. Letta e' un capo di Governo giovane anche se confrontato con gli attuali leader dei 27 Paesi dell'Unione europea, essendo di ben 5 anni piu' giovane della media (52 anni). L'eta' media dei ministri del nuovo esecutivo e' di 53 anni, 11 in meno del Governo Monti, e soltanto di qualche mese piu' alta del Governo Berlusconi, ma anche della media dei Governi Ue (51,2). Il ministro piu' giovane del Governo Letta - prosegue la Coldiretti - ha 37 anni, quello del Governo Monti 57; i piu' anziani rispettivamente 70 e 76. Nel primo solo 5 ministri su 23 sono over 60 mentre nel secondo solo 6 su 17 erano under 60; nel primo 9 ministri hanno meno di 50 anni contro nessuno nel secondo. Una indubbia discontinuita' anagrafica e generazionale. Nel Governo Letta il piu' giovane - conclude la Coldiretti - e' il ministro delle Politiche agricole, Nunzia De Girolamo, con 37 anni mentre il piu' anziano e' il ministro dell'Economia, Fabrizio Saccomanni, con 70 anni.

''Ci incoraggia il fatto che oggi abbiamo un premier che in questa sala, alla nostra assemblea del 2011 disse: ''l'Italia degli anni 60 aveva i giovani nel motore di sviluppo del Paese, oggi li ha messi in panchina'', afferma il delegato dei giovani della Coldiretti Vittorio Sangiorgio nel sottolineare che ''noi siamo pronti a svolgere il nostro ruolo per il bene del Paese, nel suo motore possiamo mettere il miglior carburante (le energie giovani) proveniente da fonte rinnovabile (il meglio del territorio Italiano). ''Il fatto che il Ministro piu' giovane del governo, l'onorevole Nunzia De Girolamo, abbia la delega alle Politiche agricole - conclude Sangiorgio - e' una opportunita' per cogliere al meglio cio' che di ''straordinariamente giovane'' sta avvenendo in agricoltura e nei territori Italiani''. rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari