domenica 04 dicembre | 11:56
pubblicato il 05/mar/2013 13:25

Crisi: Chiti, troppi problemi, governo tecnico non puo' affrontarli

Crisi: Chiti, troppi problemi, governo tecnico non puo' affrontarli

(ASCA) - Roma, 5 mar - ''E' pensabile che un governo tecnico possa affrontare il tema di un riequilibrio delle disuguaglianze e l'attuazione di politiche orientate alla giustizia sociale? A me non sembra. E' necessario che su questo assumano le loro responsabilita' i gruppi presenti in Parlamento e ogni singolo parlamentare''. Lo afferma il vicepresidente del Senato, Vannino Chiti del Pd.

''Mi auguro che la direzione del Pd domani, in modo unitario, assuma quelle impostazioni - aggiunge - e promuova nei prossimi 10 giorni, in tutto il paese, iniziative di incontro con i cittadini, i giovani, il mondo del lavoro dipendente, autonomo e imprenditoriale. Gli eletti devono impegnarsi in prima persona in questi confronti: le azioni in Parlamento sono doverose e necessarie ma dobbiamo al tempo stesso far sentire ai cittadini che al centro della nostra proposta non sono i nostri interessi ma le priorita' del Paese''. com-njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari