sabato 03 dicembre | 11:11
pubblicato il 14/mag/2013 11:15

Crisi: Censis-Ismu, maggioranza famiglie non riesce a pagare badanti

Crisi: Censis-Ismu, maggioranza famiglie non riesce a pagare badanti

(ASCA) - Roma, 14 mag - Se la spesa sostenuta per un collaboratore domestico incide per il 29,5% sul reddito familiare, in piena recessione, la maggioranza delle famiglie italiane, il 56,4%, non riesce piu' a farvi fronte e corre a diversi ripari, incluso quello della rinuncia al proprio lavoro da parte di un componente familiare, in genere la donna.

Il welfare informale, infatti, ha un costo che grava quasi interamente sui bilanci familiari: a fronte di una spesa media di 667 euro al mese, solo il 31,4% delle famiglie riesce a ricevere una qualche forma di contributo pubblico, che si configura per i piu' nell'accompagno (19,9%). Lo attesta una ricerca realizzata dal Censis e dalla Fondazione iniziative e studi sulla multietnicita' (Ismu) per il ministero del Lavoro e delle Politiche sociali e presentata oggi a Roma. Nello specifico, emerge che il il 48,2% delle famiglie italiane ha ridotto i consumi pur di mantenere il collaboratore, il 20,2% ha intaccato i propri risparmi, il 2,8% si e' dovuto addirittura indebitare. L'irrinunciabilita' del servizio sta peraltro portando alcune famiglie il 15% - ma al Nord la percentuale arriva al 20% - a considerare l'ipotesi che un membro della stessa rinunci al lavoro per prendere il posto del collaboratore. Lo studio evidenzia infatti come intrappolate nella spirale perversa delle esigenze crescenti a fronte di risorse calanti, il 44,4% delle famiglie pensa che nei prossimi cinque anni avra' bisogno di aumentare il numero dei collaboratori o delle ore di lavoro svolte. Ma al tempo stesso la meta' delle famiglie (il 49,4%) sa che avra' sempre piu' difficolta' a sostenere il servizio e il 41,7% pensa addirittura che dovra' rinunciarci. Tra le famiglie attualmente prive di badante, il 20% dichiara che in casa e' presente una persona che ha bisogno di cura e assistenza. In questi casi non ci sono esborsi economici da sostenere, ma un costo non irrilevante grava comunque sulla famiglia: la rinuncia a lavorare da parte di un suo componente. Si stima che nel 25% delle famiglie in cui e' presente una persona da assistere, e non si possa ricorrere ai servizi di un collaboratore, vi e' una donna (nel 90,4% dei casi) giovane (il 66% ha meno di 44 anni) che ha rinunciato al lavoro: interrompendolo (9,7%), riducendo significativamente l'impegno (8,6%) o smettendo di cercarlo (6,7%).

com-stt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Renzi: risultato aperto, in 48 ore ci giochiamo i prossimi 20 anni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari