lunedì 23 gennaio | 09:31
pubblicato il 14/mag/2013 11:15

Crisi: Censis-Ismu, maggioranza famiglie non riesce a pagare badanti

Crisi: Censis-Ismu, maggioranza famiglie non riesce a pagare badanti

(ASCA) - Roma, 14 mag - Se la spesa sostenuta per un collaboratore domestico incide per il 29,5% sul reddito familiare, in piena recessione, la maggioranza delle famiglie italiane, il 56,4%, non riesce piu' a farvi fronte e corre a diversi ripari, incluso quello della rinuncia al proprio lavoro da parte di un componente familiare, in genere la donna.

Il welfare informale, infatti, ha un costo che grava quasi interamente sui bilanci familiari: a fronte di una spesa media di 667 euro al mese, solo il 31,4% delle famiglie riesce a ricevere una qualche forma di contributo pubblico, che si configura per i piu' nell'accompagno (19,9%). Lo attesta una ricerca realizzata dal Censis e dalla Fondazione iniziative e studi sulla multietnicita' (Ismu) per il ministero del Lavoro e delle Politiche sociali e presentata oggi a Roma. Nello specifico, emerge che il il 48,2% delle famiglie italiane ha ridotto i consumi pur di mantenere il collaboratore, il 20,2% ha intaccato i propri risparmi, il 2,8% si e' dovuto addirittura indebitare. L'irrinunciabilita' del servizio sta peraltro portando alcune famiglie il 15% - ma al Nord la percentuale arriva al 20% - a considerare l'ipotesi che un membro della stessa rinunci al lavoro per prendere il posto del collaboratore. Lo studio evidenzia infatti come intrappolate nella spirale perversa delle esigenze crescenti a fronte di risorse calanti, il 44,4% delle famiglie pensa che nei prossimi cinque anni avra' bisogno di aumentare il numero dei collaboratori o delle ore di lavoro svolte. Ma al tempo stesso la meta' delle famiglie (il 49,4%) sa che avra' sempre piu' difficolta' a sostenere il servizio e il 41,7% pensa addirittura che dovra' rinunciarci. Tra le famiglie attualmente prive di badante, il 20% dichiara che in casa e' presente una persona che ha bisogno di cura e assistenza. In questi casi non ci sono esborsi economici da sostenere, ma un costo non irrilevante grava comunque sulla famiglia: la rinuncia a lavorare da parte di un suo componente. Si stima che nel 25% delle famiglie in cui e' presente una persona da assistere, e non si possa ricorrere ai servizi di un collaboratore, vi e' una donna (nel 90,4% dei casi) giovane (il 66% ha meno di 44 anni) che ha rinunciato al lavoro: interrompendolo (9,7%), riducendo significativamente l'impegno (8,6%) o smettendo di cercarlo (6,7%).

com-stt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Governo
Gentiloni: D'Alema non aiuta la discussione, troppo polemico
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4