domenica 11 dicembre | 12:45
pubblicato il 05/lug/2013 12:28

Crisi: Capezzone, solo riducendo tasse torna crescita. Basta giochini

Crisi: Capezzone, solo riducendo tasse torna crescita. Basta giochini

(ASCA) - Roma, 5 lug - ''I dati che proprio oggi l'Istat ha diffuso sui consumi delle famiglie dovrebbero far riflettere qualche ''assistant director'' del Fondo monetario internazionale. Nel 2012, la spesa media mensile per famiglia ha subito una contrazione record del 2,8% rispetto all'anno precedente (-3% la spesa non alimentare), il calo piu' accentuato dal 1997. Anche nel tremendo 2009 la spesa delle famiglie era scesa, ma solo dell'1,7%. E il valore mediano della spesa mensile per famiglia indica che piu' marcata (-5,7%) e' la diminuzione della spesa tra le famiglie con i livelli di consumo piu' elevati. E' impensabile che tutto cio' non abbia un impatto estremamente negativo sulle prospettive di ripresa dell'economia italiana. Ed e' impensabile che uno dei fattori scatenanti non sia stato proprio l'Imu sulla prima casa''. Lo dichiara in una nota Daniele Capezzone, presidente della Commisisone Finanze della Camera e Coordinatore dei dipartimenti Pdl.

''Sara' anche vero, come afferma l'''assistant director'', che ''in nessun Paese c'e' una esenzione sulla prima casa''.

Ma e' anche vero che in nessun Paese c'e' una pressione fiscale elevata come in Italia. Nel 2009, cioe' prima dell'introduzione dell'Imu, la tassazione, sia diretta che indiretta, sui patrimoni immobiliari in Italia era in linea con la media Ocse, e leggermente superiore se si considerano gli Stati dell'Eurozona e dell'Ue aderenti all'Ocse. E riguardo la prima casa, vanno ricordate le diverse caratteristiche socio-economiche dei vari Paesi: in un Paese come l'Italia, in cui ormai circa l'80% delle famiglie e' proprietario dell'abitazione principale, ha un effetto ben diverso che in Germania o in Francia, dove lo sono rispettivamente il 44 e il 58% delle famiglie. Dunque, lo dico con rispetto: basta con l'inganno di prospettare come alternative tra di loro l'abolizione dell'Imu sulla prima casa e la riduzione delle tasse sul lavoro - sottolinea Capezzone -. Basta con i giochetti di sponda con i funzionari di organismi internazionali.

Piuttosto, occorre concentrarsi su maggiori tagli alla spesa per abbassare le tasse, riequilibrando la nostra strategia di risanamento, finora quasi interamente sulle spalle di famiglie e imprese, mentre troppo poco ha fatto lo Stato per dimagrire. E' questo il presupposto della crescita. E va invertita la ''consecutio'' di alcuni, secondo i quali sara' possibile un ''riaggiustamento della tassazione'' quando l'economia riprendera' a crescere. E' vero il contrario: torneremo a crescere se e quando alleggeriremo la tassazione''.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Renzi al Pd esclude restare,Gentiloni tiene ma partita non chiusa
Governo
Speranza al Pd: indispensabile una scelta di discontinuità
Governo
Al via totoministri, possibili conferma Boschi e arrivo Fassino
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina