mercoledì 22 febbraio | 07:01
pubblicato il 14/nov/2013 11:52

Crisi: Brunetta, mercati, Ue e Parlamento bocciano politica Saccomanni

Crisi: Brunetta, mercati, Ue e Parlamento bocciano politica Saccomanni

(ASCA) - Roma, 14 nov - ''Fuoco concentrico sulla politica economica impostata dal ministro Saccomanni. A gelare le attese non e' solo il rapporto di ieri della Commissione europea sugli squilibri macroeconomici, ma anche i dati pubblicati oggi dall'Istat, che prevedono una caduta del Pil dell'1,9% e non dell'1,7%, come riportato nella nota di aggiornamento al Def, varata dal governo solo due mesi fa.

Caduta del Pil che si aggiungera' al -2,4% del 2012, segnando il record di ben 8 trimestri consecutivi con il segno negativo. Ormai: piena recessione e rischio di deflazione''.

Lo dichiara in una nota Renato Brunetta, presidente dei deputati del Pdl.

''Non sorprende pertanto il misto di preoccupazioni e accuse della Commissione europea nei confronti del nostro responsabile della politica economica: forte contrazione del reddito e dei consumi; un debito pubblico che aumenta, soprattutto a causa della mancata crescita e nonostante i bassi tassi di interesse praticati dalla Bce; un deficit pubblico al limite del 3% e comunque in bilico su coperture zoppicanti, costituite da tanti anticipi d'imposte e clausole di salvaguardia che rischiano di aumentare ancora di piu' la gia' alta pressione fiscale. I numerosi emendamenti alla Legge di Stabilita', poi, rappresentano non una normale patologia, come il ministro dell'economia cerca disperatamente di spiegare, ma l'inevitabile conseguenza dell'assoluta mancanza di una strategia che impegni il Parlamento sui grandi temi della politica economica, ponendo un freno al prevalere dei micro-interessi'', aggiunge Brunetta. ''Insomma, Europa, mercati e Parlamento bocciano la politica economica di Saccomanni. Forse una riflessione si impone. Con questo finale di anno pienamente recessivo, il 2014 nascera' sotto i peggiori auspici: altro che +1% di crescita. E cosi' va a farsi benedire la riduzione della pressione fiscale e l'intero impianto della Legge di stabilita''', conclude Brunetta.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Pd
Pd, Emiliano: non faccio a Renzi il favore della scissione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia