sabato 03 dicembre | 21:30
pubblicato il 14/nov/2013 11:52

Crisi: Brunetta, mercati, Ue e Parlamento bocciano politica Saccomanni

Crisi: Brunetta, mercati, Ue e Parlamento bocciano politica Saccomanni

(ASCA) - Roma, 14 nov - ''Fuoco concentrico sulla politica economica impostata dal ministro Saccomanni. A gelare le attese non e' solo il rapporto di ieri della Commissione europea sugli squilibri macroeconomici, ma anche i dati pubblicati oggi dall'Istat, che prevedono una caduta del Pil dell'1,9% e non dell'1,7%, come riportato nella nota di aggiornamento al Def, varata dal governo solo due mesi fa.

Caduta del Pil che si aggiungera' al -2,4% del 2012, segnando il record di ben 8 trimestri consecutivi con il segno negativo. Ormai: piena recessione e rischio di deflazione''.

Lo dichiara in una nota Renato Brunetta, presidente dei deputati del Pdl.

''Non sorprende pertanto il misto di preoccupazioni e accuse della Commissione europea nei confronti del nostro responsabile della politica economica: forte contrazione del reddito e dei consumi; un debito pubblico che aumenta, soprattutto a causa della mancata crescita e nonostante i bassi tassi di interesse praticati dalla Bce; un deficit pubblico al limite del 3% e comunque in bilico su coperture zoppicanti, costituite da tanti anticipi d'imposte e clausole di salvaguardia che rischiano di aumentare ancora di piu' la gia' alta pressione fiscale. I numerosi emendamenti alla Legge di Stabilita', poi, rappresentano non una normale patologia, come il ministro dell'economia cerca disperatamente di spiegare, ma l'inevitabile conseguenza dell'assoluta mancanza di una strategia che impegni il Parlamento sui grandi temi della politica economica, ponendo un freno al prevalere dei micro-interessi'', aggiunge Brunetta. ''Insomma, Europa, mercati e Parlamento bocciano la politica economica di Saccomanni. Forse una riflessione si impone. Con questo finale di anno pienamente recessivo, il 2014 nascera' sotto i peggiori auspici: altro che +1% di crescita. E cosi' va a farsi benedire la riduzione della pressione fiscale e l'intero impianto della Legge di stabilita''', conclude Brunetta.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, Renzi: brogli? Siamo seri, polemiche stanno a zero
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari