venerdì 24 febbraio | 11:45
pubblicato il 29/set/2014 10:49

Crisi: Brunetta, le mosse per tornare a crescere

(ASCA) - Roma, 29 set 2014 - ''Il valore della moneta unica europea e' in diminuzione in quanto, da un lato, e' in aumento la domanda di attivita' finanziarie denominate in dollari a seguito dell'annuncio della banca centrale americana, la Federal Reserve, di una imminente stretta monetaria. Dall'altro lato, al contrario, la Banca centrale europea manterra' bassi ancora a lungo i tassi d'interesse dell'area euro, e si appresta a varare nuove e straordinarie misure espansive di politica monetaria nei prossimi mesi''.

Cosi' Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, in un editoriale pubblicato da Il Giornale.

''Ne deriva un ampliamento del differenziale atteso dei tassi d'interesse tra Europa e Usa a favore degli Stati Uniti.

Inoltre - ha aggiunto - gli ultimi dati disponibili rilevano un peggioramento della bilancia commerciale dell'area euro, determinato in generale dalla cattiva performance economica, in termini di crescita, dei paesi europei, e, piu' in particolare, dal calo dell' export della Germania nei confronti dei paesi extra-Ue''.

Per Brunetta, ''l'obiettivo principale che deve porsi oggi la Banca centrale europea e' duplice: ottenere una consistente riduzione del tasso di cambio dell' euro e alzare il tasso d'inflazione, per evitare l'emergenza di una spirale deflazionistica gia' iniziata in vari paesi europei. I due obiettivi sono strettamente connessi, perche' la svalutazione dell'euro sembra ormai a molti commentatori l'ultimo strumento per ottenere nel breve periodo, al tempo stesso, un aumento dell'inflazione importata e un aumento della domanda, sia estera sia domestica, di prodotti europei''.

''Questo appare, dunque - ha sottolineato l'ex ministro - l'unico modo per riavviare la crescita, in attesa che l'Europa riacquisti un dinamismo competitivo endogeno. Il deprezzamento dell'euro sul dollaro dell'ultima settimana sembra dare una risposta al possibile effetto congiunto dell' espansione monetaria inseguita dal presidente della Bce, Mario Draghi e l'annuncio della fine della stessa politica negli Stati Uniti''.

red-fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sinistra
Scotto: nuova forza di sinistra con ex Pd, con noi 17 ex Si
Ue
Mattarella:Ue ha valore irreversibile, da crisi uscirà più forte
Pd
Orlando in campo a primarie Pd: mi candido, serve responsabilità
Pd
Nel Pd braccio di ferro su data primarie, Orlando in campo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Astrofisica, indizi di materia oscura nel cuore di Andromeda?
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech