venerdì 09 dicembre | 03:01
pubblicato il 08/lug/2013 13:05

Crisi: Brunetta, Colaninno non capito proposta dismissioni. Se la studi

Crisi: Brunetta, Colaninno non capito proposta dismissioni. Se la studi

(ASCA) - Roma, 8 lug - ''Nessuna svendita e nessuna perdita di valore. La nostra proposta poggia su basi solide.

L'onorevole Colaninno se la studi. E se ne faccia una ragione''. Cosi' Renato Brunetta, capogruppo del Pdl alla Camera, commenta in una nota le critiche fatte dal responsabile delle politiche economiche del Pd alla proposta avanzata dal Pdl sulle dismissioni.

Colaninno, rileva Brunetta, ''probabilmente non ha letto con attenzione, prima di commentarla sul Corriere della Sera di oggi, la proposta di 'Attacco al debito pubblico', gia' lanciata dal PdL un anno fa, pubblicata su Il Sole 24 Ore del 10 agosto 2012. Ecco, gliene inviamo una copia, cosi' puo' constatare che non si pone alcuno dei problemi che lui solleva. Innanzitutto - continua Brunetta - l'onorevole Colaninno ignora la composizione dei 400 miliardi in 5 anni, cifra che definisce 'miracolistica': 100 derivano dalla vendita di beni pubblici per 15-20 miliardi l'anno (circa 1 punto di Pil ogni anno); 40-50 miliardi (circa 2,5 punti di Pil) derivano dalla costituzione e cessione di societa' per le concessioni demaniali; 25-35 miliardi (circa 1,5 punti di Pil) derivano dalla tassazione ordinaria delle attivita' finanziarie detenute in Svizzera (5-7 miliardi l'anno); i restanti 215-235 miliardi dal conferimento in una societa' di diritto privato di nuova costituzione di una porzione di beni patrimoniali e diritti dello Stato, a livello centrale e periferico, disponibili e non strategici (nessun pericolo per i gioielli di famiglia, quindi). Con riferimento a quest'ultimo punto, la proposta del Pdl prevede che la societa' conferitaria individui dei 'lotti' di beni e diritti conferiti, a fronte dei quali emettere obbligazioni garantite. Da questo momento in poi - dice ancora l'ex ministro - a ognuno il suo ruolo: lo Stato incassa il corrispettivo e lo porta direttamente a riduzione del debito pubblico e la societa' procede alla valorizzazione ed incremento della redditivita' dei beni e diritti conferiti, in modo da accrescerne il prezzo di mercato. Solo alla scadenza dei singoli lotti del prestito obbligazionario (5-10 anni), e a valore aumentato, i beni e diritti costituenti il lotto di riferimento saranno alienati''.

com-fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Pontassieve riaccoglie Renzi: "non molli ora, deve andare avanti"
Governo
Mattarella apre consultazioni,l'arbitro silente debutta in campo
Governo
Renzi domani torna a Roma, oggi pranzo dal padre e poi a Messa
Governo
Crisi, Grillo: elezioni subito senza scuse, legge elettorale c'è
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni