venerdì 02 dicembre | 19:25
pubblicato il 11/ago/2011 12:26

Crisi/ Bossi: Su pensioni serve compromesso, si può studiare

Premier e Tremonti non hanno deciso. Gente non vuole si tocchino

Crisi/ Bossi: Su pensioni serve compromesso, si può studiare

Roma, 11 ago. (askanews) - Sulle pensioni "serve un compromesso". Lo ha detto il leader della Lega, Umberto Bossi, lasciando la Sala del Mappamondo alla Camera dopo l'audizione del ministro Tremonti. "Se si toccano le pensioni non si colpiscono i ricchi, ma i poveri, e sicuramente questo è un bivio importante", ha osservato e poi ha chiarito: "Dipende da come si toccano le pensioni, serve un compromesso". Dunque stop alle pensioni di anzianità? "Si può studiare, non lo so, noi abbiamo le nostre idee e le presenteremo. Ma in ogni modo - ha detto ancora Bossi - la gente non vuole che si tocchino". Su dove reperire i soldi necessari per far fronte all'emergenza e mettere in campo una manovra incisiva, il leader della Lega non ha risposto ma ha semplicemente spiegato: "Tremonti non ha ancora deciso, non lo devo dire io, lui e il premier non hanno ancora deciso".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Centrodestra
Berlusconi in tv propone leadership a Del Debbio: "ci rifletta"
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari