lunedì 05 dicembre | 00:19
pubblicato il 29/set/2014 14:31

Crisi, Boldrini: Ue volti pagina. Stop strategia dell'austerita'

(ASCA) - Roma, 29 set 2014 - "Di fronte ai dati economici non si puo' fare a meno di porsi domande sull'efficacia delle strategie che l'Europa ha messo in atto fino a ora" dall'inizio della crisi. Lo ha dichiarato la presidente della Camera, Laura Boldrini, intervenendo nell'Aula di Montecitorio per la Conferenza sul coordinamento e sulla governance nell'Unione economica e monetaria (Fiscal Compact) nel quadro del Semestre di Presidenza italiana del Consiglio dell'Unione europea.

Boldrini ha quindi sottolineato la necessita' che la politica, "senza incetezze, si impegni sulle ragioni della crisi e sulla scelta di rimuoverle voltando decisamente pagina rispetto alle politiche fin qui seguite". Per la presidente della Camera "le poltiche di austerita' hanno portato a un aumento della pressione fiscale": "ne sono usciti sacrificati gli investimenti - decisivi per il rilancio - e ci e' stata una compressione della domanda che ha aumentato disoccupazione e lavoro precario".

Sgr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Riforme
Referendum,Centro-Nord spinge affluenza oltre 60%,Sud sotto il 50%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari