domenica 04 dicembre | 21:40
pubblicato il 29/ago/2014 20:30

Crisi: Boccia (Pd), serve manovra espansiva e coraggio in Europa

(ASCA) - Roma, 29 ago 2014 - ''L'Italia sta affondando e c'e' ancora qualcuno che pensa di evitare il naufragio togliendo l'acqua dalla nave col cucchiaio. L'Istat ha certificato cio' che tutti sapevamo: l'Italia e' in deflazione tecnica. Da un anno sto ripetendo che in deflazione tecnica e' matematicamente impossibile l'abbattimento del debito pubblico solo con il taglio della spesa. Serve accompagnare al taglio della spesa uno choc fiscale di riduzione delle imposte di 30 miliardi concordando con l'Europa un utilizzo temporaneo dell'aumento del debito stesso''. Cosi' Francesco Boccia, presidente della commissione Bilancio ella Camera, impegnato a Chicago all'Universita' dell'Illinois per un lavoro scientifico sulla fiscalita' dell'economia digitale.

''Ebbene, il debito calera' solo quando avremo ripreso a crescere. Bisogna fare una manovra espansiva per il 2015, serve una manovra fiscale choc che stimoli la produzione delle imprese e i consumi delle famiglie e cio' non avverra' tagliuzzando qua e la' un migliaio di aziende municipalizzate, che sia chiaro, a mio avviso tutte quelle che erogano servizi erogabili da privati in regime di concorrenza vanno abolite per legge, bensi' dando ossigeno alle imprese e alle famiglie. La manovra fiscale choc - aggiunge - puo' essere coperta da un aumento controllato e concordato del debito, anche approfittando dei bassi tassi d'interesse che l'Italia sta pagando, concordato a livello europeo, grazie anche alla presidenza italiana dell'Ue.

Inutile parlare di calo del deficit se non pensiamo alla crescita: e' come dare un'aspirina a chi ha una malattia potenzialmente mortale. Il presidente Renzi faccia il Renzi: in questo momento serve un colpo d'ala deciso che smuova il sistema, anche perche' la deflazione uccide subito le piccole e medie imprese che, a differenza dei big, non possono permettersi una corsa all'infinito ribasso dei prezzi. E il sistema Italia e' fatto di piccole e medie aziende''. ''Un'impostazione di questo genere non potra' non essere sostenuta ad esempio dalla Francia e dalla stessa Germania che in deflazione tecnica potrebbe entrare tra non molto. Ha ragione Draghi: inutile aspettare i soldi della Bce se non sblocchiamo il sistema interno. E lo si puo' fare solo prendendo la scure e tagliando le tasse'', conclude Boccia.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, Viminale assicura: matite copiative sono indelebili
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari