lunedì 20 febbraio | 04:56
pubblicato il 24/mag/2012 12:40

Crisi/ Bersani: Crescita parola grossa, limitare recessione

Bene relazione Squinzi, sobria e semplice

Crisi/ Bersani: Crescita parola grossa, limitare recessione

Roma, 24 mag. (askanews) - Di questi tempi, 'crescita' è "una parola grossa: dobbiamo almeno limitare la recessione con un po' di liquidità" e "soprattutto, impedire l'uscita della Grecia dall'euro". Lo ha detto il segretario del Pd, Pierluigi Bersani, lasciando le assise di Confindustria, dove ha ascoltato la relazione del presidente Giorgio Squinzi, uno speech "semplice e sobrio e non demagogico". Quello che però preoccupa Bersani è la crisi: "Non servono faziosità, ma ci vuole senso di responsabilità e concretezza, perché il rischio è finire in guai seri". Ecco perché Bersani guarda con grande attenzione ai tavoli europei. "La mia preoccupazione è come è andata ieri in Europa, se non sbuca qualcosa da lì siamo in guai seri". Per questo "dobbiamo fare di tutto per mantenere la Grecia nell'euro. Bisogna dire alla Grecia 'devi mantenere gli impegni, ti chiediamo meno interessi e ti diamo un po' più di tempo'".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, ultima trattativa con Emiliano su primarie dopo comunali
Pd
Cuperlo a Renzi: scendi da auto, non fare 'Gioventù bruciata'
Pd
Renzi si dimette da segretario Pd, ora candidature o congresso
Pd
Renzi apre congresso Pd, minoranza accusa: "Sceglie scissione"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia