sabato 10 dicembre | 02:11
pubblicato il 23/ott/2011 05:11

Crisi/ Berlusconi a confronto con Merkel e leader Ue

Aumentano pressioni su Italia; e oggi incontro anche con Sarkozy

Crisi/ Berlusconi a confronto con Merkel e leader Ue

Bruxelles, 23 ott. (askanews) - Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi è stato ieri sera a confronto con la cancelliera tedesca, Angela Merkel, e con i presidenti del Consiglio europeo, Herman Van Rompuy, della Commissione europea, José Manuel Barroso alla cena pre-vertice dei leader del Ppe, nel castello di Meise, presso Bruxelles. Secondo diverse fonti europee, Merkel e i leader Ue avrebbero chiesto al premier spiegazioni sulle mancate decisioni del governo italiano riguardanti le riforme strutturali e le politiche per la crescita, sottolineando che si tratta di condizioni da rispettare perché il Paese possa essere protetto dal contagio della crisi dell'euro, mediante le nuove difese (i 'firewall') che dovrebbero essere decise dal vertice dell'Eurozona. Già venerdì, secondo fonti della presidenza del Consiglio europeo, c'é già stato un colloquio telefonico fra Van Rompuy e Berlusconi. Le pressioni su Berlusconi continueranno, con tutta probabilità, anche oggi, sempre a Bruxelles, durante il Consiglio europeo in mattinata e il vertice dell'Eurozona nel pomeriggio. In queste occasioni si aggiungerà anche il 'pressing' del presidente francese Nicolas Sarkozy (che non ha partecipeto ieri sera alla cena del Ppe) su un'altro tema: la permanenza di Lorenzo Bini Smaghi nel Board della Bce, che impedisce a Parigi di inviare un francese a Francoforte dopo la fine del mandato dell'attuale presidente Jean-Claude Trichet. L'intesa di massima fra Sarkozy e Berlusconi secondo cui Bini Smaghi si sarebbe dimesso dopo l'arrivo di Mario Draghi alla guida dell'Eurotower non ha ancora prodotto i suoi frutti. A Bini Smaghi - che non può essere costretto da Roma a lasciare il suo posto a causa dell'indipendenza della Bce dai governi - evidentemente non è stata offerta una nuova funzione all'altezza del suo rango e delle sue aspettative, e certo non gli basterà l'essere stato per un certo periodo in corsa come uno dei candidati alla successione di Draghi a Bankitalia. A Parigi non interessa in che modo il governo italiano convincerà Bini Smaghi a traslocare da Francoforte, ma da Berlusconi Sarkozy pretenderà il rispetto dei patti.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Orlando: governo per andare al voto, ma Pd non lo fa da solo
Governo
Tosi al Colle: incarico a una figura dal profilo internazionale
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina