lunedì 05 dicembre | 11:56
pubblicato il 04/gen/2013 12:00

Crisi/ Bagnasco: Nel 2013 ci sia sussulto di speranza e coesione

'Dalle difficoltà scaturisca una maggiore solidarietà'

Crisi/ Bagnasco: Nel 2013 ci sia sussulto di speranza e coesione

Genova , 4 gen. (askanews) - "L'augurio è che il 2013 sia un anno all'insegna di un sussulto ulteriore di fiducia, di speranza e di coesione". Lo ha dichiarato il presidente della Cei e arcivescovo di Genova, cardinale Agelo Bagnasco, a margine della visita nel palazzo della Regione Liguria per il tradizionale scambio di auguri in occasione delle festività natalizie. "Come nelle famiglie quando c'è una difficoltà da superare ci si stringe maggiormente gli uni agli altri e si mettono insieme intelligenza, cuore e risorse, così - ha aggiunto il presidente della Cei - anche nell'ambito della società mi auguro, e i segni ci sono, che proprio dalle difficoltà che dobbiamo affrontare scaturisca una migliore e maggiore solidarietà e intesa tra tutti e a tutti i livelli per affrontare con maggiore fiducia, speranza e capacità di intraprendere i problemi che abbiamo di fronte".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari