lunedì 16 gennaio | 16:54
pubblicato il 02/mar/2015 15:01

Cremlino: dopo Renzi-Putin no domande, su richiesta Italia

A centro colloqui questioni fondamentali cooperazione italo-russa

Cremlino: dopo Renzi-Putin no domande, su richiesta Italia

Mosca, 2 mar. (askanews) - Per Vladimir Putin e Matteo Renzi a Mosca il 5 marzo un faccia a faccia, poi un pranzo di lavoro allargato e a seguire le dichiarazioni dei leader davanti alla stampa, ma la "parte italiana ha chiesto che non ci siano domande dai giornalisti". Lo ha detto l'assistente presidenziale russo Yury Ushakov, citato dall'agenzia di stampa russa Interfax.

Tra i temi in discussione il Cremlino annovera, l'Ucraina, la Siria, la Libia, la lotta all'Isis. "Si prevede che la riunione affronterà tutte le questioni fondamentali della cooperazione italo-russa, così come problemi di attualità internazionale. E su questo, naturalmente, si concentrerà sulla crisi in Ucraina, e gli italiani si aspettano che ci sarà un ampio scambio di vedute sulla questione libica e anche, naturalmente, sulla situazione in Medio Oriente, e il conflitto siriano", ha detto l'aiutante presidenziale.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Fca
Fca, Delrio: richiesta Germania a Ue del tutto irricevibile
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Kawasaki al Motor Bike Expo di Verona dal 20 al 22 gennaio
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda uomo, i quadri viventi di Antonio Marras
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, mobilità sempre più ecosostenibile DriveNow