mercoledì 22 febbraio | 19:48
pubblicato il 02/mar/2015 15:01

Cremlino: dopo Renzi-Putin no domande, su richiesta Italia

A centro colloqui questioni fondamentali cooperazione italo-russa

Cremlino: dopo Renzi-Putin no domande, su richiesta Italia

Mosca, 2 mar. (askanews) - Per Vladimir Putin e Matteo Renzi a Mosca il 5 marzo un faccia a faccia, poi un pranzo di lavoro allargato e a seguire le dichiarazioni dei leader davanti alla stampa, ma la "parte italiana ha chiesto che non ci siano domande dai giornalisti". Lo ha detto l'assistente presidenziale russo Yury Ushakov, citato dall'agenzia di stampa russa Interfax.

Tra i temi in discussione il Cremlino annovera, l'Ucraina, la Siria, la Libia, la lotta all'Isis. "Si prevede che la riunione affronterà tutte le questioni fondamentali della cooperazione italo-russa, così come problemi di attualità internazionale. E su questo, naturalmente, si concentrerà sulla crisi in Ucraina, e gli italiani si aspettano che ci sarà un ampio scambio di vedute sulla questione libica e anche, naturalmente, sulla situazione in Medio Oriente, e il conflitto siriano", ha detto l'aiutante presidenziale.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Orfini: dopo Emiliano spero ci ripensino Rossi e Speranza
Campidoglio
Grillo: entro due giorni Raggi risolve questione di stadio Roma
Pd
Pd, Emiliano: non faccio a Renzi il favore della scissione
Pd
Di Maio (M5s): elettori Pd disorientati, guardano a noi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Nasa: scoperti sette esopianeti simili alla Terra
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech