sabato 03 dicembre | 14:49
pubblicato il 22/dic/2011 12:30

Costi politica/Schifani:Contributivo da subito dipendenti Senato

Parte dal 1 gennaio. Recepita con suo decreto previsione manovra

Costi politica/Schifani:Contributivo da subito dipendenti Senato

Roma, 22 dic. (askanews) - Il Presidente del Senato, Renato Schifani, con proprio decreto d'urgenza, da sottoporre a ratifica da parte del Consiglio di Presidenza, ha proceduto al recepimento immediato per i dipendenti di Palazzo Madama, a partire dal 1 gennaio 2012, di alcuni punti essenziali della riforma pensionistica prevista dal decreto-legge sulla manovra economica. In particolare, il decreto, firmato da Schifani con il consenso unanime delle organizzazioni sindacali, introduce il metodo contributivo pro rata per tutti i dipendenti e rende effettivo il prelievo di solidarietà del 15% sulle pensioni per la parte eccedente i 200 mila euro annui lordi. La Rappresentanza permanente per i rapporti con il personale riprenderà sollecitamente a gennaio le trattative con le organizzazioni sindacali per il recepimento degli altri aspetti della riforma Fornero.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Referendum, Berlusconi: con voto a matita possibili i brogli
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari