mercoledì 22 febbraio | 07:41
pubblicato il 22/dic/2011 12:30

Costi politica/Schifani:Contributivo da subito dipendenti Senato

Parte dal 1 gennaio. Recepita con suo decreto previsione manovra

Costi politica/Schifani:Contributivo da subito dipendenti Senato

Roma, 22 dic. (askanews) - Il Presidente del Senato, Renato Schifani, con proprio decreto d'urgenza, da sottoporre a ratifica da parte del Consiglio di Presidenza, ha proceduto al recepimento immediato per i dipendenti di Palazzo Madama, a partire dal 1 gennaio 2012, di alcuni punti essenziali della riforma pensionistica prevista dal decreto-legge sulla manovra economica. In particolare, il decreto, firmato da Schifani con il consenso unanime delle organizzazioni sindacali, introduce il metodo contributivo pro rata per tutti i dipendenti e rende effettivo il prelievo di solidarietà del 15% sulle pensioni per la parte eccedente i 200 mila euro annui lordi. La Rappresentanza permanente per i rapporti con il personale riprenderà sollecitamente a gennaio le trattative con le organizzazioni sindacali per il recepimento degli altri aspetti della riforma Fornero.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Pd
Pd, Emiliano: non faccio a Renzi il favore della scissione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia