martedì 17 gennaio | 09:47
pubblicato il 04/gen/2012 05:10

Costi politica/ Rapporto Giovannini, su indennità parola a Camere

Schifani lamenta mancanza tempestiva comunicazione

Costi politica/ Rapporto Giovannini, su indennità parola a Camere

Roma, 4 gen. (askanews) - Indennità superiori ma in termini lordi, dati provvisori che rendono difficile fare una media. E' la fotografia sugli incassi dei parlamentari italiani fornita dal rapporto della Commissione Giovannini. Trasmesso lunedì alla Camera, mentre il Presidente Schifani lamenta di non aver avuto comunicazione ufficiale, tempestiva, da parte del Governo, prima che i dati, pubblicati sul sito della Funzione pubblica, fossero diffusi dalla stampa. La parola passa comunque agli organi parlamentari per procedere sulla strada della riduzione intrapresa, in generale, con la riduzione dei vitalizi e l'adeguamento al contributivo. Sono, dice Enrico Giovannini, Presidente dell'Istat e della Commissione che ha elaborato il rapporto, le autorità politiche ad essere attese alla "prova dei fatti" per adottare "decisioni serie". Per la Commissione i dati sono "del tutto provvisori e di qualità insufficiente per una utilizzazione ai fini indicati dalla legge" e per "effettuare il calcolo" di una media. Da quanto emerge, in Italia l'indennità parlamentare lorda per i deputati è di 11.283 contro i 7.100 euro della Francia, i 2.813 della Spagna, 8.500 nei Paesi Bassi, 7.668 in Germania. Si deve aggiungere la diaria di 3 mila 500 euro ma risultano inferiori le spese accessorie, come quelle dei collaboratori, 3 mila 690 euro al mese. Il rapporto approda in Parlamento. Schifani lamenta "l'assenza di una tempestiva e opportuna trasmissione ufficiale alla Presidenza del Senato da parte del Governo", sottolinea la provvisorietà dei dati, che "possono comunque costituire un primo spunto di riflessione all'interno dei Gruppi" e sarà poi il Consiglio di Presidenza eventualmente a discutere della questione. Di possibili "iniziative autonome" parla anche la nota diffusa dall'Ufficio di Presidenza di Montecitorio. Anche alla Camera si sottolinea la "provvisorietà dei dati" e si precisa anzi che "l'importo dell'indennità spettante ai deputati italiani (pari a 11.283,28 euro) è indicato al lordo delle ritenute previdenziali, fiscali e assistenziali. Invece, al netto di tali ritenute" tra cui le addizionali regionali e comunali la cui misura varia in relazione al domicilio fiscale del deputato - l'importo dell'indennità parlamentare, che è corrisposta per dodici mensilità, è pari mediamente a 5 mila euro", dunque "inferiore" alla media Ue. Parola dunque alla politica, con un orizzonte temporale che, stando a quanto dichiarato da Fini prima di Natale, dovrebbe essere fine gennaio.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Centrodestra
Salvini sfida Berlusconi su leadership. Cav: io ancora decisivo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello