martedì 28 febbraio | 02:32
pubblicato il 07/dic/2011 19:00

Costi politica/ Ok Questori: Stop vitalizi parlamentari da 2012

Deputati e Senatori passano al contributivo,è riforma strutturale

Costi politica/ Ok Questori: Stop vitalizi parlamentari da 2012

Roma, 7 dic. (askanews) - Via libera definitiva dal collegio dei Questori di Camera e Senato alla proposta di modifica del sistema dei vitalizi per i parlamentari, che verrà votata in via definitiva il 14 dicembre dagli uffici di presidenza dei due rami del Parlamento. Le novità partono dal nome: l'insieme delle norme che regolano le 'pensioni' dei parlamentari non si chiameranno più, nei regolamenti di Camera e Senato, "norme per i vitalizi", perchè "i vitalizi scompaiono". Al loro posto, ha spiegato il questore del Senato Benedetto Adragna (Pd), verrà introdotto un sistema contributivo pro rata, del tutto simile a quello uniformemente utilizzato nella pubblica amministrazione. "Le nuove regole - ha aggiunto il questore - entreranno in vigore dal 1 gennaio del 2012 e saranno uguali per Camera e Senato". Confermate quindi le indiscrezioni diffuse al termine della riunione dei Questori di questa mattina, con piena "concordia tra Camera e Senato", necessaria, secondo Adragna, "per dare quel segnale di attenzione" a quanto chiesto anche dal governo. Confermati anche i requisiti di età per la 'onorevole previdenza': avranno diritto alla pensione al compimento dei 65 anni i deputati e i senatori che avranno alle spalle una sola legislatura, al compimento dei 60 quelli che avranno fatto più legislature. Le nuove norme e i nuovi limiti d'età "varranno per tutti, parlamentari in carica e parlamentari futuri". Si tratterà quindi, secondo Adragna, "oltre che di un segnale di attenzione" al momento di crisi, di una "riforma strutturale". I benefici a livello di risparmio per le casse dello Stato, infatti, non saranno immediatamente percepiti (i vitalizi già erogati e quelli che riguardano i primi 3 anni e mezzo di questa legislatura non verranno toccati) ma diventeranno "corposi" con il passare degli anni, quando cioè verranno meno i parlamentari che godono del vecchio trattamento previdenziale e verranno sostituiti da quelli che avranno versato i contributi. In realtà, quella varata oggi nelle due riunioni dei questori è una bozza che "coglie lo spirito delle riforme Monti": non è escluso che nei passaggi parlamentari successivi e in prospettiva si possa andare, soprattutto per quanto riguarda i limiti d'età, verso un agganciamento delle pensioni dei parlamentari a quelle dei funzionari del pubblico impiego (al momento 66 anni), nonostante l'autodichia delle Camere. L'ultimo passaggio che ancora manca al completamento della riforma, a parte il voto (scontato) degli uffici di presidenza (a dare il via alla riforma sono stati i presidenti Gianfranco Fini e Renato Schifani) è il lavoro per le modifiche necessarie ai regolamenti di Camera e Senato (che oggi ha prolungato gli incontri), ma, secondo i questori, si tratta solo di incombenze burocratico-normative, visto che anche i parlamentari, più o meno volentieri, hanno capito "la gravità del momento e lo sforzo richiesto a tutti, nessuno escluso".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrodestra
Zaia a Berlusconi: io candidato premier? E' una manfrina
Centrodestra
Salvini gela Berlusconi: no a Zaia leader e a doppia moneta
Calcio
Renzi: Ranieri tradito dai suoi giocatori, ma tornerà...
Pd
Pd, D'Alema: attacchi Renzi? Non vorrei alimentare ossessioni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech