mercoledì 22 febbraio | 09:21
pubblicato il 12/giu/2012 05:10

Corruzione/ Severino pronta a fiducia.Avvertimento Pdl su toghe

Oggi alle 10 comitato ristretto ultima occasione per mediazione

Corruzione/ Severino pronta a fiducia.Avvertimento Pdl su toghe

Roma, 12 giu. (askanews) - Riprende oggi alla Camera il faticoso iter del ddl anticorruzione: il Governo al momento appare intenzionato a chiedere un voto di fiducia su un maxiemendamento che dovrebbe comprendere l'articolo 10 (delega al Governo sulle norme per l'incandidabilità in Parlamento dei condannati per mafia e corruzione) e le norme penali dell'articolo 13 proposte dal ministro della Giustizia Paola Severino. Ma in serata Angelino Alfano, segretario del Pdl, ha fatto filtrare la notizia dell'intenzione del suo partito di votare al Senato il testo della norma Pini sulla responsabilità civile dei magistrati, già bocciata dalla guardasigilli: una prova di forza che potrebbe essere il modo scelto dal partito di Silvio Berlusconi per comunicare al Governo l'indigeribilità della fiducia sulla corruzione. Fiducia ipotizzata giovedì scorso in conferenza dei capigruppo dal ministro Piero Giarda, ribadita, sempre come ipotesi, dalla guardasigilli durante il fine settimana: i dettagli del testo restano da definire ma la posizione del Pd è netta ed è stata ribadita, a scanso di equivoci, dal segretario Pier Luigi Bersani: l'ok del Pd c'è "se il testo è quello uscito dalla commissione", quindi anche con le pene più elevate per il reato di corruzione per atti contrari ai doveri d'ufficio, introdotte in commissione da un emendamento del Pd passato proprio con il voto contrario del Pdl. Senza fiducia, che il Pdl ha cercato fino all'ultimo di scongiurare, gli azzurri potrebbero far passare in aula qualche modifica (sui nuovi reati si può richiedere che la conta avvenga a scrutinio segreto). Sabato scorso però Alfano aveva dato prova di credere poco in un passo indietro dell'Esecutivo: "Non faremo cadere il Governo su una norma il cui impianto viene dal Governo Berlusconi e porta la mia firma", aveva precisato. Domani quindi il Governo dovrà valutare la fiducia largamente annunciata sul ddl anticorruzione, pesandola in rapporto alle conseguenze politiche (sulla responsabilità delle toghe) implicite nell'avvertimento lanciato dal Pdl. Se terrà ferme le intenzioni della vigilia, Severino tornerà al testo licenziato dalla commissione anche per l'articolo 10, quindi alla sola delega al Governo per le norme sull'incandidabilità dei condannati per reati gravi. Nonostante l'intesa informale raggiunta in commissione su una norma di chiusura proposta dalla relatrice Jole Santelli (Pdl) che rendesse immediatamente operativo lo stop ai condannati in caso di mancato esercizio della delega da parte del Governo. Altro punto delicato, il traffico di influenze: reato che non piace al Pdl né all'Udc, e che Severino aveva promesso di riformulare per evitare un'invadenza eccessiva della magistrature sulle attività di lobbying o addirittura sulle semplici 'raccomandazioni'. Appuntamento domani mattina alle 10 per il comitato ristretto delle commissioni Affari costituzionali e Giustizia della Camera: ultima chiamata per una eventuale ultima mediazione.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Di Maio (M5s): elettori Pd disorientati, guardano a noi
Pd
Speranza: Emiliano resta nel Partito di Renzi, noi no
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Al via a Verona Transpotec: espositori in crescita + 20%