lunedì 23 gennaio | 01:32
pubblicato il 10/mag/2012 21:45

Corruzione/ Non c'è accordo, tensione nella maggioranza su ddl

Udc-Idv: Ostruzionismo Pdl. Bongiorno: Fine non prevedibile

Corruzione/ Non c'è accordo, tensione nella maggioranza su ddl

Roma, 10 mag. (askanews) - Dopo mesi di paziente mediazione politica del ministro della Giustizia Paola Severino, settimane di tavoli tecnici e vertici, la maggioranza che sostiene il Governo Monti non riesce a partorire l'ombra di un accordo sul ddl anticorruzione. Nessun mistero, è tutto alla luce del sole: è più facile trovare un'intesa sulle tasse o i licenziamenti che sulle norme per contrastare la corruzione. Nelle commissioni Affari costituzionali e Giustizia della Camera il Governo ha dato i pareri sui subemendamenti all'emendamento Severino, che riassume le norme penali proposte dalla guardasigilli. Risultato? "Non ho mai visto un Governo che si rimette all'aula su un numero così ampio di emendamenti", commenta un gelido Enrico Costa del Pdl. Il suo partito ufficialmente non ha presentato subemendamenti sulla norma Severino, ma lo hanno fatto alcuni deputati-avvocati azzurri, in particolare sulla concussione. A partire da Francesco Paolo Sisto, che avverte: "Non è presentandosi al Paese con le 'corde pendenti' dell'impiccagione che si adempie al dovere di essere buoni parlamentari". Quanto basta per alimentare una polemica fra Pd e Pdl: "Avvertiamo il rischio - dice Andrea Orlando - che si cerchi di far saltare la data per la discussione in Aula del ddl anticorruzione o che si tenti, tenendo fermo quel termine, di difendere il vecchio testo di Alfano". Replica Jole Santelli (Pdl): "Non ho capito se la richiesta sia quella di far slittare la discussione in aula, nel caso il collega Orlando dovrebbe essere più esplicito". Pierluigi Mantini dell'Udc parla di "sostanziale ostruzionismo per salvare Berlusconi dal processo Ruby". "I presidenti delle commissioni non ammettano alcuna forma di ostruzionismo da parte del Pdl", è l'appello del dipietrista Federico Palomba. Il leghista Raffaele Volpi allarga l'accusa all'Esecutivo: "Sia da parte del Governo che da parte dei partiti della maggioranza - sostiene - non c'è la volontà di andare avanti". "Sono preoccupata su questo ddl - dice dal canto suo la finiana Giulia Bongiorno, presidente della commissione Giustizia - perché non è prevedibile nemmeno come uscirà dalla commissione", visto che "non esiste nessuna condivisione sul tema". In ogni caso il ddl andrà in aula il prossimo 28 maggio perché "non possiamo più chiedere al presidente della Camera un ulteriore rinvio".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Governo
Gentiloni: D'Alema non aiuta la discussione, troppo polemico
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4