domenica 22 gennaio | 11:27
pubblicato il 22/mag/2012 21:00

Corruzione/ Ddl fa passo avanti ma Severino non esclude fiducia

Compromesso in commissione, via subemendamenti. Pdl si astiene

Corruzione/ Ddl fa passo avanti ma Severino non esclude fiducia

Roma, 22 mag. (askanews) - Il ddl anticorruzione esce dalle secche dell'ostruzionismo del Pdl e fa un passo avanti: la guardasigilli Paola Severino ricompone per un giorno la maggioranza pro-Monti che si era divisa sulla giustizia, ma ora pensa alla fiducia perché in aula ricompariranno gli emendamenti che sono stati ritirati in commissione e il provvedimento rischia sempre di incagliarsi. E anche perché, nonostante un vertice di maggioranza in commissione avesse dato via libera ad alcune proposte di compromesso del ministro sulla riformulazione dei reati di corruzione per l'esercizio della funzione e di traffico di influenze illecite, alla fine il Pdl sulle norme penali riassunte nell'emendamento Severino si è astenuto. "Sono disposta ad assumermi ogni responsabilità", dice il ministro nel suo appello ai deputati delle commissioni Affari costituzionali e Giustizia della Camera perché votino "oggi stesso" il suo testo ritirando i subemendamenti con l'eccezione di quelli riformulati. Appello raccolto, il ddl conclude il suo iter in commissione (manca solo il mandato ai relatori) e andrà in aula come previsto a partire dal 28. Soddisfatto alla fine il ministro, "un grande passo avanti", ha commentato; e "soddisfazione" ha espresso anche la presidente della seconda commissione, la finiana Giulia Bongiorno, che ha ammesso tuttavia che tra i partiti "restano divergenze fisiologiche". Saranno fisiologiche ma non sono marginali, e l'astensione del Pdl lo segnala chiaramente: è lo stesso capogruppo azzurro in commissione Giustizia Enrico Costa a spiegarlo: l'astensione è "un'apertura di credito" verso la mediazione del ministro ma l'auspicio è che che in Aula "la legge possa essere migliorata". Di fronte a equilibri così fragili, per la prima volta il ministro non esclude il ricorso alla fiducia. Un rischio, perché il Governo Monti ha priorità diverse, che non consentono di sfidare il Parlamento su questo tema; ma potrebbe diventare una strada obbligata, per segnare in qualche modo la fine delle trattative col Pdl. Severino valuterà in aula, per ora si limita a dire che di fiducia "è prematuro parlare". Resta aperto, ammette la guardasigilli, il capitolo della graduazione delle pene, e in ogni caso "la mia apertura al dialogo, la mia tenacia, attenzione, non vanno scambiate per una disponibilità a modifiche che possano 'terremotare' il provvedimento". (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4