mercoledì 22 febbraio | 05:34
pubblicato il 15/mar/2013 13:31

Corruzione: Consiglio forense, tante ombre da nuove norme di contrasto

(ASCA) - Roma, 15 mar - Tante ombre e poche luci dalle nuove norme anticorruzione. Difetti di tipizzazione rendono difficile la prova del fatto illecito con la conseguenza che l'obiettivo a cui mirava il legislatore e' tradito. E' quanto e' emerso oggi nella sessione tematica, coordinata dal consigliere segretario Andrea Mascherin, dedicata al tema I reati contro la pubblica amministrazione dopo la riforma: 'le nuove fattispecie del delitto di corruzione', organizzata nell'ambito dell'VIII Congresso giuridico-forense per l'aggiornamento professionale che ha raccolto al Complesso Monumentale di Santo Spirito in Sassia oltre 2300 avvocati fino a domani. Lo comunica una nota del Consiglio Nazionale Forense. Nelle relazioni scientifiche, informa la nota, sono emerse le ombre di una legislazione che appare 'simbolica' con un intento 'moralizzatore' piuttosto che con l'obiettivo di garantire una reale ed efficace contrasto alla corruzione. Roberto Rampioni, ordinario di diritto penale a Tor Vergata, ha proprio evidenziato tale 'stortura': ''Tutte le novita' del penale si sono concentrate nelle fattispecie riconducibili al soggetto privato. Poco o nulla e' stato fatto sul piano dell'introduzione di nuove fattispecie con riguardo alla pubblica amministrazione. L'aver dato al diritto penale quasi una valenza moralizzatrice e' stato sicuramente un tentativo maldestro che introduce una pericolosa discrezionalita' dei giudici sul piano interpretativo''. Francesco Iacoviello, sostituto procuratore generale presso la Corte di Cassazione, ha tacciato le norme che riguardano i delitti di corruzione, di avere una impronta 'illiberale': ''La pubblica accusa rischia di non poter provare il fatto illecito; e, sull'altro versante, la difesa di non poter provare l'innocenza. Con l'aumento della discrezionalita' riconosciuta al giudice''. Alberto Gargani, ordinario di diritto penale all'Universita' di Pisa, pur esprimendo un giudizio meno tranchant in relazione alla necessita' di por mano alla materia, ha ritenuto che comunque l'effetto sia quello di una ''difficile gestione processuale. Il nostro sistema penale sta vivendo un periodo di transizione, di passaggio, il cui il concetto di corruzione assume confini sempre piu' ambigui e ibridi''.

com/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Pd
Pd, Emiliano: non faccio a Renzi il favore della scissione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia