sabato 10 dicembre | 02:55
pubblicato il 15/mar/2013 13:31

Corruzione: Consiglio forense, tante ombre da nuove norme di contrasto

(ASCA) - Roma, 15 mar - Tante ombre e poche luci dalle nuove norme anticorruzione. Difetti di tipizzazione rendono difficile la prova del fatto illecito con la conseguenza che l'obiettivo a cui mirava il legislatore e' tradito. E' quanto e' emerso oggi nella sessione tematica, coordinata dal consigliere segretario Andrea Mascherin, dedicata al tema I reati contro la pubblica amministrazione dopo la riforma: 'le nuove fattispecie del delitto di corruzione', organizzata nell'ambito dell'VIII Congresso giuridico-forense per l'aggiornamento professionale che ha raccolto al Complesso Monumentale di Santo Spirito in Sassia oltre 2300 avvocati fino a domani. Lo comunica una nota del Consiglio Nazionale Forense. Nelle relazioni scientifiche, informa la nota, sono emerse le ombre di una legislazione che appare 'simbolica' con un intento 'moralizzatore' piuttosto che con l'obiettivo di garantire una reale ed efficace contrasto alla corruzione. Roberto Rampioni, ordinario di diritto penale a Tor Vergata, ha proprio evidenziato tale 'stortura': ''Tutte le novita' del penale si sono concentrate nelle fattispecie riconducibili al soggetto privato. Poco o nulla e' stato fatto sul piano dell'introduzione di nuove fattispecie con riguardo alla pubblica amministrazione. L'aver dato al diritto penale quasi una valenza moralizzatrice e' stato sicuramente un tentativo maldestro che introduce una pericolosa discrezionalita' dei giudici sul piano interpretativo''. Francesco Iacoviello, sostituto procuratore generale presso la Corte di Cassazione, ha tacciato le norme che riguardano i delitti di corruzione, di avere una impronta 'illiberale': ''La pubblica accusa rischia di non poter provare il fatto illecito; e, sull'altro versante, la difesa di non poter provare l'innocenza. Con l'aumento della discrezionalita' riconosciuta al giudice''. Alberto Gargani, ordinario di diritto penale all'Universita' di Pisa, pur esprimendo un giudizio meno tranchant in relazione alla necessita' di por mano alla materia, ha ritenuto che comunque l'effetto sia quello di una ''difficile gestione processuale. Il nostro sistema penale sta vivendo un periodo di transizione, di passaggio, il cui il concetto di corruzione assume confini sempre piu' ambigui e ibridi''.

com/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Orlando: governo per andare al voto, ma Pd non lo fa da solo
Governo
Tosi al Colle: incarico a una figura dal profilo internazionale
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina