sabato 03 dicembre | 19:17
pubblicato il 27/set/2011 17:30

Cooperazione/ ActionAid: Allarme fondi, si va verso azzeramento

Nel triennio 2008-2011 tagli del 78%, da Italia "morosità morale"

Cooperazione/ ActionAid: Allarme fondi, si va verso azzeramento

Roma, 27 set. (askanews) - "Se non verranno prese misure che tutelino l'impegno italiano nella Cooperazione allo sviluppo, il rischio è che al termine della XVI legislatura i fondi saranno di fatto azzerati". E' l'allarme lanciato da Marco De Ponte, segretario generale di ActionAid Italia durante la presentazione del Rapporto 'L'Italia e la lotta alla povertà nel mondo', a cui hanno partecipato, fra gli altri, il segretario del Partito Democratico Pier Luigi Bersani e l'ambasciatore Giampiero Massolo, segretario generale della Farnesina. Stando alla relazione di ActionAid, nel triennio 2008-2011 la cooperazione allo sviluppo gestita dal ministero degli Esteri ha registrato un "taglio del 78%, raggiungendo il minimo storico di 158 milioni di euro". E "per effetto dei tagli del giugno 2011 il bilancio della cooperazione - si legge sempre nel rapporto - potrebbe contrarsi di altri 100 milioni di euro nei prossimi tre anni. Pertanto, dei circa 750 milioni di euro ereditati dalla precedente legislatura, alla cooperazione allo sviluppo del Ministero degli Esteri potrebbero rimanerne solo poco più di 50 milioni nel 2014". Nel 2010, il peso dell'Aiuto pubblico allo Sviluppo italiano sul Pil nazionale è stato dello 0,15% - a fronte di una media europea dello 0,46% - e, dopo Austria e Repubblica Slovacca, l'Italia è il Paese che taglia di più il proprio aiuto. "Se si pensa che la presenza finanziaria italiana nei Paesi in via di Sviluppo è costituita per oltre i due terzi da flussi di aiuto pubblico allo sviluppo, si capirà come questi tagli possano significare una sostanziale scomparsa dell'Italia da quasi il 60% del mondo" ha commentato De Ponte. A tale scomparsa - denuncia il rapporto di ActionAid - si aggiunge la "morosità morale" del nostro paese nei confronti dell'Unione Europea, la quale ha mancato l'obiettivo collettivo dello 0,56% per 14 miliardi di euro. In termini relativi, sull'Italia grava la maggiore responsabilità di questo evidente fallimento (38%). "Tale morosità - hanno fatto notare dall'ong - si estende a tutta la comunità internazionale: l'Italia ha sottoscritto con la Banca Mondiale, Fondi e Agenzie di sviluppo impegni per almeno 1,4 miliardi di euro che non sa come potranno essere onorati. Eppure, il 68% degli italiani vorrebbe mantenere almeno le promesse o aumentare l'aiuto tagliando la spesa militare, mentre solo un 3% sarebbe propenso a una sua riduzione". (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Referendum, Berlusconi: con voto a matita possibili i brogli
Riforme
Referendum, Grillo: Paese spaccato, vincere o perdere è uguale
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari